Zona euro, credito bancario ancora frammentato - Draghi

mercoledì 27 febbraio 2013 19:17
 

MONACO, 27 febbraio (Reuters) - I mercati finanziari della zona euro non funzionano ancora bene visto che imprese e famiglie incontrano difficoltà ad ottenere il credito bancario in alcuni paesi.

Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, nel corso di un evento organizzato dall'Accademia cattolica della Baviera, evidenziando i problemi nei meccanismi di trasmissione delle politiche monetarie dalla banca centrale finalizzate a sostenere l'economia.

"Mentre i mercati del debito sovrano sono migliorati, il credito bancario è ancora molto frammentato in tutta l'area euro", ha detto il numero uno dell'Eurotower.

"In alcuni paesi è ancora difficile ottenere credito. Non si vedono ancora i benefici delle dolorose azioni intraprese finora", ha aggiunto.

Draghi ha inoltre aggiunto che la ripresa della zona euro sta procendo molto lentamente e l'inizio si potrà vedere nella seconda metà dell'anno.

Oggi Benoit Coeure, membro del comitato esecutivo della Bce, ha detto che la Banca centrale europea sta analizzando il funzionamento del mercato dei prestiti bancari e ha suggerito che potrebbero essere ritoccate le norme sui collaterali al fine di migliorare la disponibilità dei prestiti.

Draghi ha respinto le critiche di chi sostiene che le misure messe in atto dalla Bce per contrastare la crisi di liquidità possano alimentare spinte inflazionistiche in quanto non comportano automaticamente una crescita della moneta nell'economia reale.

Il numero uno della Bce ha inoltre difeso il programma 'Omt', non ancora attivato, che prevede acquisti illimitati di titoli di stato, duramente criticato in Germania, affermando che tale programma sarebbe utile anche per i contribuenti tedeschi e non solo per quelli dei paesi più indebitati.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia