Italia a rischio ingovernabilità, Btp e Borsa restano sotto pressione

lunedì 25 febbraio 2013 21:14
 

* Senato spaccato, mercati temono instabilità politica

* Titoli Stato e Piazza affari visti ancora in calo

* Nervosismo per aste Bot e Btp domani e dopodomani

* Debolezza politica non aiuta in trattativa con Europa

di Giulio Piovaccari

MILANO, 25 febbraio (Reuters) - Per oggi i mercati hanno tenuto, ma alla riapertura di domattina - di fronte ad un risultato elettorale che certifica l'ingovernabilità italiana - le cose potrebbero andare decisamente peggio per Piazza Affari e Btp.

Quello che si è delineato oggi è lo scenario meno gradito ai mercati finanziari: la Camera andrà probabilmente al centrosinistra come previsto, ma al Senato appare invece al momento assai difficile la formazione di una maggioranza .

"È il risultato peggiore per il mercato. Vuol dire che metà del paese non ne può più della vecchia politica, e si rischia di andare a nuove elezioni e a un cambiamento politico molto doloroso" afferma lo strategist di Citigroup Alessandro Tentori, da Londra. "Se dovesse essere questo il risultato, non vedo come i Btp possano evitare di perdere terreno domani".

E se questa mattina, a urne ancora aperte, è passata sostanzialmente senza problemi l'asta del Tesoro italiano di Ctz e Btp indicizzati, sicuramente più complicata appare la prosecuzione della tornata di collocamenti di fine mese, con 8,75 miliardi di euro di Bot a 6 mesi in offerta domani e fino a 6,5 miliardi di Btp (tra cui il nuovo benchmark decennale) dopodomani.   Continua...