Borsa Milano rallenta su prime proiezioni elettorali, si allarga spread

lunedì 25 febbraio 2013 16:36
 

MILANO, 25 febbraio (Reuters) - Dopo la volata in scia agli exit polls, Piazza Affari rallenta la corsa mentre lo spread Btp/Bund si allarga oltre i 270 punti base poco dopo le prime proiezioni sulle elezioni politiche che danno in vantaggio la coalizione di centro-destra al Senato.

Le proiezioni indicano, secondo più di un istituto demoscopico, il prevalere del centro-destra in alcune delle più importanti regioni italiane.

"Le proiezioni di Piepoli che danno in testa Berlusconi al Senato creano un certo sbandamento tra gli investitori. La volatilità sugli indici milanesi è mostruosa così come i volumi" commenta un trader.

"Certo è che se i mercati credessero davvero al cambio di tendenza rispetto ai precedenti sondaggi il crollo sarebbe decisamente più marcato di quello attuale. Diciamo che da un'iniziale euforia siamo passati a un più cauto realismo" aggiunge l'operatore.

Attorno alle 16,35 l'indice FTSE Mib sale dello 0,8% dopo aver messo in atto rialzi fino a +4%.

MEDIASET, molto volatile, ha quasi annullato i guadagni, che erano intorno a +10% subito prima delle proiezioni. Sorprendentemente rispetto alla storia del titolo, il gruppo controllato da Silvio Berlusconi segue oggi, in modo più accentuato, i movimenti del mercato e non il destino politico del suo fondatore.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia