21 febbraio 2013 / 15:28 / 4 anni fa

PUNTO 1 - Spagna a quasi 25% target emissioni titoli Stato 2013

(aggiunge background, operazione in dollari)

MADRID, 21 febbraio (Reuters) - La Spagna ha collocato stamane tre titoli a medio-lungo per un ammontare complessivo di 4,2 miliardi, sopra il suo target massimo, a rendimenti in calo rispetto all'asta di inizio febbraio. Solo ieri sera Madrid ha anche collocato un bond in dollari - per la prima volta in circa 4 anni - per altri due miliardi arrivando così a coprire complessivamente già quasi un quarto del suo target di emissioni a medio-lungo dell'intero 2013.

Nel dettaglio, la Spagna ha collocato stamane 1,112 mld di titoli con scadenza 2015 con un bid-to-cover di 3,7 da 2,2 dell'asta precedente e un rendimento di 2,54% da 2,823%.

Inoltre ha collocato titoli a 2019 per 548 mln con un bid-to-cover di 2,5 da 2,9 dell'asta precedente e un rendimento di 4,275% da 6,701%.

Infine ha collocato 2,568 mld di titoli con scadenza 2023 con un bid-to-cover di 1,6 e un rendimento di rendimento di 5,202%. Quest'ultimo titolo era stato emesso per la prima tranche attraverso un collocamento sindacato lo scorso gennaio per 7 miliardi di euro, attraendo ordini per ben 22 miliardi di euro.

Il bond in dollari di ieri, della durata di 5 anni, è stato collocato a un rendimento di 300 punti base sopra il tasso del midswap, ha detto ieri il Ministro del Tesoro spagnolo, con un libro ordini da 3,1 miliardi di dollari. La maggior parte delle sottoscrizioni sono arrivate da investitori esteri, compresi fondi, banche centrali, hedge e banche commerciali.

"Sono tutti buoni risultati da cui emerge ancora una buona domanda per debito spagnolo" ha detto Lyn Graham-Taylor, strategist di Rabobank a Londra.

"Continuiamo a credere che ciò sia in gran parte determinato più dalla grande quantità di liquidità immessa dalla banca centrale nel sistema piuttosto che da un miglioramento dei fondamentali spagnoli e dai progressi verso l'unione fiscale da parte della zona euro".

Prima del lancio del bond in dollari - il primo dal 2009 - le banche a guida dell'operazione (Barclays, Citi, Santander e Societe Generale CIB) hanno visitato gli investitori in un road show negli Usa per capire l'interesse per questo tipo di carta dopo che la Spagna è stata nel cuore della crisi di debito lo scorso anno.

"Il feedback avuto dal roadshow è stato molto, molto positivo" ha detto una fonte governativa vicina all'operazione. "Abbiamo incontrato circa 35 investitori. La maggior parte degli investitori Usa sono alla ricerca di buoni rendimenti e la combinazione di credito e rendimento per questa operazione è molto appetibile".

Il premio chiesto dagli investitori per detenere titoli di Stato spagnoli piuttosto che tedeschi è sceso di circa 7 punti base dopo l'asta di stamane a circa 350 pb, ben lontano dagli oltre 650 pb di soli sette mesi fa.

Il costo del debito spagnolo è salito ai massimi lo scorso luglio sui timori di una rottura della zona euro, ma l'impegno della Banca centrale europea a proteggere l'unione monetaria ha attirato gli investitori su carta al alto rendimento.

Ieri il primo ministro Mariano Rajoy ha detto che il governo ha ridotto il suo deficit di bilancio a meno del 7% rispetto al Pil nel 2012 da circa il 9% di un anno prima, anche se ancora ben sopra il target dell'Unione europea

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below