Voto, spread 270-290 non sostenibile, auspicio maggioranza stabile-Ghizzoni

martedì 19 febbraio 2013 19:47
 

MILANO, 19 febbraio (Reuters) - Uno spread tra 270 e 290 punti base non è sostenibile e quindi la sua discesa resta uno dei temi chiave per il prossimo governo.

Lo ha detto il Ceo di UniCredit Federico Ghizzoni in un incontro con la la stampa al termine del Cda odierno, sottolineando che l'auspicio per le prossime elezioni è che esca una maggioranza stabile e che dopo gli ultimi sondaggi, che vedono un accorciamento della distanza tra le diverse coalizioni, "qualche preoccupazione in più ci può stare".

"Abbiamo bisogno di stabilità politica e di spread bassi. Oggi non se ne parla ma uno spread a 270, 280 e 290 punti è insostenibile. O si manda giù o ci sono dei seri problemi per l'economia italiana, per le banche e per le imprese", ha spiegato.

Oggi lo spread tra i Btp e i Bund si è attestato a 277 punti base.

"Questo resta uno dei temi chiave per il prossimo governo", ha proseguito Ghizzoni.

"Da operatore di mercato sarebbe auspicabile una maggioranza stabile. Se guardiamo gli ultimi sondaggi c'è più vicinanza tra i diversi partiti e quindi ci può stare qualche preoccupazione in più", ha aggiunto l'amministratore delegato, sottolineando però che bisogna aspettare il giorno delle elezioni perché "non sempre quello che si pensa si realizza".

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia