Grecia, corte Ue contro monopolio Opap in settore giochi, cala titolo

giovedì 24 gennaio 2013 14:19
 

BRUXELLES, 24 gennaio (Reuters) - La Corte di giustizia europea ha stabilito che il monopolio della greca OPAP nel settore giochi e scommesse è illegale e che le autorità del paese dovranno riformare il settore per proteggere i consumatori o aprirlo alla concorrenza.

La questione era stata sollevata dai concorrenti di Opap William Hill, SportingBet e Stanleybet.

La Corte ha spiegato che sono contrarie alle norme europee leggi nazionali che diano diritti esclusivi nel comparto giochi a una sola società senza un genuino impegno delle autorità a controllare l'espansione del settore per combattere la criminalità. La Grecia dovrà quindi liberalizzare il mercato, aprendolo alla concorrenza e trattando nello stesso modo operatori locali ed esteri, oppure riformare il monopolio di Opap, rendendolo soggetto a uno stretto controllo pubblico.

Alla borsa di Atene il titolo affonda con un calo superiore al 10%, sopra i minimi di giornata.

Il governo greco ha messo in vendita il 33% di Opap, pari a quasi la sua intera partecipazione, nell'ambito di un piano di privatizzazioni concordato con i creditori internazionali in cambio dei fondi ottenuti da Ue e Fmi per il salvataggio del paese.

"La decisione della corte riduce il valore futuro di Opap perchè apre il mercato", commenta Theodore Krintas, responsabile del wealth management di Attica Bank. "Questo mette in luce la necessità di agire velocemente e di non trascinare le cose. La decisione della corte europea è un buon esempio di come i ritardi possano condizionare le future valutazioni degli asset".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia