Spagna, ritmo consolidamento conti terrà conto crescita - De Guindos

martedì 9 ottobre 2012 10:06
 

LUSEEMBURGO, 9 ottobre (Reuters) - I ministri delle Finanze dalla zona euro ritengono che il consolidamento fiscale della Spagna dovrebbe tener conto del tasso di crescita economica. Lo ha detto il ministro dell'Economia spagnolo Luis De Guindos, aggiungendo che Madrid lavorerà per limitare la portata della recessione.

"C'è stata una valutazione positiva della politica economica spagnola e del bisogno di mettere a punto un aggiustamento che sia attento e sensibile alla situazione economica del Paese", ha detto De Guindos ai giornalisti.

Secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale la Spagna non centrerà l'obiettivo del deficit, dal momento che la contrazione dell'economia l'anno prossimo sarà superiore a quella prevista dal governo.

Nel suo fiscal monitor il Fmi prevede che il disavanzo di Madrid toccherà il 7% del Pil quest'anno e il 5,7% nel 2013, contro i rispettivi 5,7% e 4,5% concordati in sede europea.

Il governo spagnolo ha basato il suo piano di bilancio per il prossimo anno mettendo in conto una recessione dello 0,5%, mentre il Fmi prevde una caduta del Pil pari all'1,3% dopo il -1,5% di quest'anno.

"L'unica cosa che posso dire a riguardo è che tenteremo di evitare che ciò accada. Logicamente stiamo lavorando sulla base che tali previsioni negative non si avverino", ha detto De Guindos.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia