Eurogruppo lancia oggi Esm, focus sulla Spagna

lunedì 8 ottobre 2012 14:21
 

di Jan Strupczewski

BRUXELLES, 8 ottobre (Reuters) - Vedrà oggi la luce alla riunione dell'Eurogruppo in Lussemburgo il nuovo fondo salva-Stati europeo Esm, che con una capacità finanziaria di 500 miliardi dal 2014 punta a mettere in piedi un più solido meccanismo di difesa contro la crisi dei debiti sovrani e in particolare della Spagna.

L'European stability mechanism potrà finanziare gli Stati in crisi ma in base a precise condizioni, come politiche di rigore e riforme strutturali in grado di ripristinare la fiducia dei mercati.

Il varo del fondo rientra tra le iniziative volte a garantire una maggiore integrazione tra i paesi della moneta unica, un obiettivo che oggi sarà portato avanti nella parte riguardante la creazione di un bilancio comunitario a parte per l'eurozona.

"L'Esm sarà operativo da oggi", dice una fonte comunitaria.

Il capitale totale da conferire all'Esm è pari a 700 miliardi di euro, di cui 80 di capitale versato (paid-in) e 620 di capitale a chiamata, che assume funzioni assimilabili a quelle di una garanzia. Dopo Germania e Francia, l'Italia è il terzo sottoscrittore dell'Esm con il 17,9% delle azioni e un impegno pari a circa 14 miliardi per gli anni 2012-2014.

Attingendo alla garanzia fornita dal capitale versato, l'Esm potrà emettere obbligazioni sul mercato e finanziare i Paesi in crisi. Il fondo raggiungerà la piena capacità di prestito solo nel 2014 e dovrebbe poter raccogliere 200 miliardi già nel 2012, un calcolo puramente teorico visto che alla fine dell'anno mancano meno di tre mesi.

Il primo banco di prova dell'Esm sarà la ricapitalizzazione delle banche spagnole, finite sull'orlo del crack dopo il collasso del mercato immobiliare. Un dossier ereditato dal primo e temporaneo fondo salva Stati, l'European financial stability facility (Efsf).

Il governo di Mariano Rajoy dovrebbe chiedere circa 40 miliardi per il sistema bancario, meno dei 100 miliardi messi a disposizione dall'Eurogruppo nel vertice del luglio.   Continua...