PUNTO 1 - Stretta su costi politica enti locali. Monti: cittadini "sgomenti"

giovedì 4 ottobre 2012 22:41
 

* Monti: opinione pubblica è "sgomenta" per scandali

* Tagli a compensi politici delle Regioni

* Incandidabili per 10 anni sindaci di comuni in dissesto (Riscrive con dichiarazioni Monti, nota governo)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 4 ottobre (Reuters) - Controllo preventivo sui bilanci regionali affidato alla Corte dei conti, tagli al numero e alle indennità dei consiglieri, incandidabilità per gli amministratori che hanno portato comuni e province al dissesto finanziario, vincoli di spesa per gli enti in disavanzo finanziario.

Sono queste le misure principali del decreto legge approvato oggi dal Consiglio dei ministri dopo gli scandali sullo sperpero dei finanziamenti pubblici ai politici locali.

"L'opinione pubblica è sgomenta rispetto a fatti che minano la fiducia nelle istituzioni, la reputazione del Paese, la credibilità e lo sforzo che tutti stiamo facendo perché il ruolo dell'Italia venga pienamente riconosciuto", ha spiegato il presidente del Consiglio, Mario Monti, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Un riferimento indiretto al caso più emblematico emerso finora: la vicenda di Franco Fiorito, il consigliere del Pdl in carcere con l'accusa di perculato perché avrebbe sottratto 1,3 milioni destinati dalla Regione Lazio al suo gruppo.

"Sono sicuro che dopo gli eventi inqualificabili verificatisi nelle ultime settimane, i cittadini sono indignati perché a loro sono chiesti sacrifici mentre il mondo che ruota attorno alla politica sembra esentato", ha aggiunto il Capo del governo.

  Continua...