Monti-bis non per manovre palazzo, serve governo politico -Montezemolo

mercoledì 3 ottobre 2012 10:39
 

ROMA, 3 ottobre (Reuters) - Un eventuale nuovo governo guidato da Mario Monti nella prossima legislatura non deve nascere da manovre "di palazzo", ma essere espressione della volontà dei cittadini, perché l'Italia ha bisogno di un governo politico e non tecnico.

Lo ha detto il presidente della Ferrari e fondatore di Italia Futura, Luca Cordero di Montezemolo.

"Al di là dei meriti di Monti che ha salvato l'Italia, un eventuale Monti bis o con nuove persone non può nascere da una operazione di palazzo tradizionale ma da una ventata di freschezza che prenda forma lontano dai partiti, da forze nuove", ha detto Montezemolo a Radio Anch'io.

L'ex presidente Fiat ha spiegato: "Questo paese ha bisogno di un governo politico e di un Parlamento scelto dagli elettori. Ciò non significa che un domani Monti non possa essere indicato a guidare il governo ma è soprattutto l'agenda Monti [che va mantenuta]. Tra 6 mesi dobbiamo prendere decisioni importanti e non popolari e abbiamo bisogno di poche cose ma chiare. Le deve gestire la politica e non un governo tecnico".

Montezemolo ha poi chiesto ai protagonisti della politica tradizionale di farsi da parte ed ha escluso una sua candidatura.

La scorsa settimana, dagli Stati Uniti, Monti ha detto di essere disponibile a guidare un governo dopo le elezioni, se le forze politiche dovessero ritenerlo necessario. Due giorni fa ha poi detto che intende lasciare "ad altri" il governo.

L'idea di un Monti-bus ha tra i principali sostenitori il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini e il presidente della Camera Gianfranco Fini, e trova più freddi Pdl e Pd. Il partito di Pier Luigi Bersani sarebbe disponibile a un nuovo incarico a Monti solo in caso di un "pareggio" elettorale tra centrosinistra e centrodestra.

"Ho sempre sostenuto che l'Italia non ha bisogno di un 'one man show' ma di persone perbene che lavorano insieme. Io non mi candido, ho già avuto tanto, ma metto a disposizione la mia passione per il rinnovamento della classe dirigente politica", ha detto ancora Montezemolo.

"Ognuno va giudicato per i propri risultati. In politica si sente parlare tante persone con ruoli fondamentali negli ultimi 20 anni e sembrano arrivati da Marte, senza alcuna assunzione di responsabilità...Non possiamo pensare di fare la Terza Repubblica con chi ha responsabilità del fallimento della seconda Repubblica", ha aggiunto.   Continua...