Ponte Stretto, ministro Clini dice che è contrario, "non è priorità"

lunedì 1 ottobre 2012 17:25
 

ROMA, 1 ottobre (Reuters) - Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini ha detto oggi di essere contrario alla realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina, almeno in periodo di crisi, pur avendo avviato la valutazione di impatto ambientale sull'opera.

"La valutazione di impatto ambientale è un documento tecnico e amministrativo, non politico. E prescinde dall'opinione del ministro sul progetto. Si tratta infatti di un atto dovuto il cui iter, una volta avviato, non può essere interrotto", ha detto il ministro in una nota, dopo che la notizia sulla Via era stata criticata da ambientalisti e partiti del centrosinistra, contrari al progetto infrastrutturale.

"In ogni caso, rimango contrario alla priorità di realizzare il ponte sullo Stretto rispetto ad altre infrastrutture, che invece ritengo più urgenti. Come per esempio la capacità ferroviaria del trasporto merci, che deve essere aumentata al più presto", ha spiegato il ministro.

Dopo che alcuni media hanno detto ieri che il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha aperto la conferenza dei servizi sul Ponte, gli oppositori hanno criticato l'iniziativa, ricordando che nell'ottobre 2011 la Commissione europea ha stralciato il progetto dai finanziamenti comunitari alle infrastrutture strategiche Ue, almeno fino al 2020, e che la Camera ha votato contro la concessione di finanziamenti statali.

(Massimiliano Di Giorgio)

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia