PUNTO 1-Crisi, Monti e Hollande "guardiani" meccanismi antispread

martedì 4 settembre 2012 18:50
 

* Monti: Ue agisca per ridurre spread ingiustificati

* Hollande: interventi anche Bce per abbassare tassi

* Bilaterale in dicembre a Lione, per "confermare impegno Tav" (Cambia titolo, accorpa pezzi precedenti, aggiorna con dettagli)

ROMA, 4 settembre (Reuters) - Lo scudo antispread europeo e la vigilanza bancaria unica con il coinvolgimento della Bce, decisi al Consiglio del 28 e 29 giugno, non sono stati scritti sulla sabbia, ma vanno realizzati compiutamente e Roma e Parigi veglieranno che lo siano.

In attesa che il board della Bce fornisca giovedì prossimo nuovi dettagli sulle misure che Francoforte potrebbe adottare per sostenere i titoli di Stato dei Paesi periferici dell'Eurozona, il presidente del Consiglio Mario Monti e il presidente francese François Hollande hanno oggi ribadito in un vertice bilaterale a Roma la rotta della Ue per contribuire a stabilizzare l'euro.

Senza entrare nel merito di quanto la Banca centrale europea potrebbe mettere sul tavolo per allentare le tensioni sui mercati, Hollande ha detto di ritenere ingiustificatamente alti i rendimenti dei titoli di Spagna e Italia.

"E' compito di tutti coloro che possono intervenire, delle istituzioni europee, compresa la Bce, di dare il proprio contributo", ha detto nel corso della conferenza stampa conclusiva del vertice.

Il Consiglio europeo di fine giugno si è detto impegnato ad assicurare la stabilità della zona euro, facendo ricorso ai fondi di salvataggio Efsf e Esm, che comprerebbero titoli del debito sovrano dei paesi con alti spread a condizioni stabilite da opportuni memorandum d'intesa.

Monti, secondo il quale l'Italia non avrebbe al momento bisogno di ricorrere all'intervento dell'Esm, ha detto che "io e Hollande veglieremo perché nella vita comunitaria ciò che abbiamo costruito quella notte (tra il 28 e il 29 giugno) venga realizzato".   Continua...