Governo, consiglio ministri domani su decreto sanità, cronoprogramma

martedì 4 settembre 2012 15:38
 

ROMA, 4 settembre (Reuters) - Mario Monti riunirà domani il Consiglio dei ministri per esaminare il decreto sulla sanità e il cronoprogramma sull'attuazione delle misure già varate e sui nuovi provvedimenti in cantiere da qui a fine legislatura.

Secondo quanto riferiscono fonti governative il governo dovrebbe riunirsi domani pomeriggio al termine dell'incontro con le associazioni di banche e imprese, in agenda per le 12,00.

"Domani il decreto [sulla sanità] andrà sicuramente in Cdm. Sono in corso riunioni per definire il testo", spiega una fonte.

La riforma, che riguarda l'intero settore sanitario, vuole garantire l'assistenza continua ai pazienti attraverso il coordinamento dei medici di base (con l'obiettivo non secondario di decongestionare ospedali e soprattutto i pronto soccorso) e introduce nuovi criteri per l'attività libero professionale in ospedale (più nota come intramoenia) attraverso l'introduzione di tariffe minime e massime, obblighi di tracciabilità nei pagamenti e la facoltà data alle regioni di autorizzare gli ospedali ad acquisire o affittare ulteriori spazi o stipulare convenzioni con studi privati.

Dalla bozza filtrata la scorsa settimana dovrebbe però saltare il contributo triennale su bevande analcoliche e superalcolici, che ha suscitato contrarietà tra diversi ministri.

Meno certo il destino del capitolo contro la ludopatia: il ministro della Salute Renato Balduzzi vorrebbe introdurre il divieto di collocare videopoker e slot machine a meno di 500 metri da scuole e centri giovanili. Una mossa che di certo non piace alle imprese di settore perché, se attuata, potrebbe limitare in modo consistente il numero di locali dove oggi è possibile giocare d'azzardo.

FOCUS SU AGENDA FINE LEGISLATURA, POCHI MARGINI DA BILANCIO

"Oltre al decreto Balduzzi non dovrebbero esserci altri provvedimenti di peso. Il resto della riunione sarà dedicato alla messa a punto del cronoprogramma", aggiunge la fonte.   Continua...