PUNTO 2 - Acquisto Bce bond brevi non sarebbe aiuto pubblico - Draghi

lunedì 3 settembre 2012 18:31
 

(aggiunge dichiarazioni banchiere centrale su situazione economica, Esm, viglianza banche)

BRUXELLES, 3 settembre (Reuters) - L'acquisto di titoli di Stato con durata sino a tre anni da parte della Bce non equivarrebbe a un finanziamento agli Stati.

Lo ha detto Mario Draghi, secondo quanto riferito dal vice-presidente del Parlamento Ue Mario Mauro e confermato da altri due parlamentari europei. Draghi ha parlato, in una sessione a porte chiuse, alla commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo.

"L'acquisto di bond sino a tre anni non equivale a un finanziamento monetario agli Stati", ha detto Draghi in commissione secondo quanto riferito dai parlamentari.

Il presidente Bce ha aggiunto, ha riferito Mauro, che "se e quando questo intervento dovesse essere effettuato, dovrebbe essere effettuato con vincoli".

L'audizione a porte chiuse di Draghi è stata protetta da un ingente servizio d'ordine. Il presidente della Bce si è allontanato senza rilasciare dichiarazioni.

Alcuni parlamentari Ue, vista la delicatezza del momento, avevano chiesto che l'audizione si tenesse già in agosto, ma si erano scontrata con la chiusura estiva del Parlamento.

Passando alla disamina della congiuntura, riferisce un funzionario che ha partecipato all'incontro, Draghi ha osservato che "la situazione economica si è calmata ma resta fragile" e "restano rischi per la crescita e l'inflazione".

In occasione del consiglio mensile di giovedì prossimo verranno diffuse le proiezioni trimestrali aggiornate dello staff Bce su Pil e prezzi al consumo.   Continua...