Giappone taglia valutazione economia, prima volta da ottobre 2011

martedì 28 agosto 2012 08:55
 

TOKYO, 28 agosto (Reuters) - Il governo giapponese ha rivisto al ribasso la sua valutazione per l'economia del paese per la prima volta dall'ottobre 2011, rilevando che il rallentamento della crescita globale ha pesato sulle esportazioni e la produzione industriale, minacciando le prospettive di ripresa.

Sono stati la decelerazione negli Stati Uniti e in Cina, oltre alla crisi del debito in Europa, a causare la riduzione della valutazione del governo, il quale ha avvertito che un ulteriore rallentamento dell'economia mondiale e forti oscillazioni del mercato pongono ulteriori rischi.

La relazione mensile precedente aveva indicato una moderata ripresa dell'economia aiutata dalla domanda di ricostruzione, e si era limitata a prendere atto che c'erano state delle difficoltà. Invece nell'ultimo rapporto il riferimento a "movimenti deboli" mostra un tono più negativo.

Particolare preoccupazione è per i consumi dei privati, che rappresentano circa il 60% dell'economia, che potrebbero perdere slancio: il governo ha tagliato la sua valutazione sulla spesa privata, dicendo che è in un trend moderatamente crescente, ancora una volta con un termine un po' più negativo rispetto a un mese prima.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia