Germania, ministero Finanze studia costi uscita Grecia da euro -stampa

venerdì 24 agosto 2012 08:00
 

BERLINO, 24 agosto (Reuters) - Un gruppo di lavoro guidato dal vice ministro delle Finanze tedesco sta studiando il possibile impatto economico dell'uscita della Grecia dalla zona euro, scrive oggi un quotidiano, mentre il cancelliere tedesco Angela Merkel si prepara a incontrare il primo ministro greco Antonis Samaras.

Merkel dice di volere che la Grecia continui a usare la moneta comune, nonostante i crescenti segni d'impazienza dalla Germania per i ripetuti insuccessi di Atene nel rispettare gli obiettivi delle riforme nell'ambito del salvataggio multimiliardario.

Il quotidiano "Financial Times Deutschland", citando fonti del ministero delle Finanze, scrive che l'esistenza di un simile gruppo di lavoro indica che Merkel e il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble vogliono arrivare totalmente preparati a un possibile "scenario negativo".

"Alcuni colleghi stanno calcolando le conseguenze finanziarie (dell'uscita della Grecia) e stanno considerando dome si possa impedire l'effetto domino su altri stati della zona euro", scrive il giornale citando una delle fonti del ministero.

Il gruppo, composto da una decina di funzionari di vari dipartimenti del ministero delle Finanze, è presieduto dal vice ministro delle Finanze Thomas Steffen, un esponente della Cdu, il partito di Merkel, scrive il giornale.

A una domanda sul gruppo di lavoro, un portavoce di Schaeuble ha detto al giornale che il governo deve essere preparato per tutti gli scenari, compresi "quelli improbabili".

Oggi intanto Merkel inviterà il premier greco Samaras, a Berlino per colloqui, a proseguire con le riforme che puntano a rendere sostenibili i conti del Paese.

Samaras afferma che il suo governo è impegnato a mantenere la Grecia nella zona euro ma vuole un po' di flessibilità nell'applicazione di misure più rigide, mentre il Paese è al suo quinto anno consecutivo di recessione.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia