Evasione fiscale, non usare più aggettivo "furbi" per evasori-Monti

lunedì 20 agosto 2012 07:30
 

RIMINI, 20 agosto (Reuters) - Il presidente del Consiglio Mario Monti suggerirà ai dirigenti della Rai di non fare utilizzare più l'aggettivo "furbi" per definire gli evasori fiscali nei servizi sull'evasione fiscale mandati in onda dalla emittente pubblica.

Monti, nel corso del suo intervento alla manifestazione inaugurale del Meeting per l'amicizia fra i popoli che ha preso il via ieri a Rimini, è tornato su un tema da lui citato ripetutamente negli ultimi interventi ed ha ribadito che non siamo alla vigilia di un alleggerimento delle tasse perché tale taglio "aggraverebbe la situazione del Paese nel suo complesso".

"Un impegno che talvolta può apparire sgradevole operato dalla Guardia di finanza di recupero dell'evasione fiscale fa parte del recupero di fiducia dei cittadini fra loro", ha esordito Monti introducendo il tema nella parte finale del suo lungo intervento a braccio alla kermesse ciellina.

"Dirò, anzi suggerirò ai dirigenti della Rai di non fare più usare l'aggettivo furbi nei telegiornali che trasmettono servizi sull'evasione fiscale. Non si può, neppure in termini subliminali, essere concessivi nei confronti di cose che distruggono la convivenza", ha aggiunto Monti.

Al termine del suo intervento, parlando di tasse universitarie e rispondendo alle domande di due studenti, il capo del governo ha detto che un taglio delle imposte sarebbe "un aggravio per l'intero Paese. Su questo bisogna stare molto attenti perché ad essere aggravato sarebbe il Paese nel suo insieme".

In questi giorni, dopo i nuovi blitz della Guardia di Finanza anche a Rimini presso esercizi commerciali e balneari, è riesplosa la polemica sulla spettacolarità di tali interventi.

(Paolo Biondi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia