August 6, 2012 / 5:08 PM / 5 years ago

PUNTO 1-Dopo Monti a Spiegel, invito Westerwelle a moderare toni

3 IN. DI LETTURA

(Aggiunge nota Monti in coda)

BERLINO, 6 agosto (Reuters) - Il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle ha lanciato un appello ai politici perché trattengano la lingua quando parlano della crisi della zona euro, dopo un fine settimana di aspri botta e risposta nella stampa tedesca su Grecia e Italia.

Il premier italiano Mario Monti ha dichiarato al settimanale Der Spiegel di avere bisogno del sostegno morale della Germania, ma non del suo denaro, e che Berlino dovrebbe "allentare un po' il freno" verso quei paesi che stanno realizzando i tagli di bilancio richiesti dall'Unione europea.

Ha anche detto che i governi devono conservare uno spazio di manovra indipendente dai parlamenti nazionali - un velato attacco al ruolo che il Bundestag tedesco sta svolgendo nel rallentare l'intervento sulla crisi.

Le osservazioni di Westerwelle, tuttavia, più che un richiamo a Monti sembrano un monito alla Csu bavarese, partito di governo, il cui leader Markus Soeder ha detto ieri al Bild am Sonntag che Berlino dovrebbe tagliare i cordoni della borsa alla Grecia entro la fine del 2012, prima che sia troppo tardi.

"Il tono del dibattito è estremamente pericoloso", ha detto Westerwelle in una nota diffusa nel primo pomeriggio.

"Dobbiamo fare attenzione a non portare l'Europa alla morte con le nostre parole. Non possiamo consentire che le nostre azioni si riducano al tentativo di conquistare un più alto profilo in patria - e questo vale anche per la Germania".

"La situazione in Europa è troppo seria e la posta in gioco è troppo alta", ha aggiunto Westerwelle, che è uno dei leader dei Liberi democratici, un partito tendenzialmente confindustriale e partner di governo della Cdu di Angela Merkel al apri dei bavaresi della Csu.

In serata, la precisazione di Monti sul rapporto tra governo e parlamento.

L'ex commissario europeo dice di non aver "inteso in alcun modo auspicare una limitazione del controllo parlamentare"..., ma di aver voluto sottolineare che "nel corso dei negoziati tra governi a livello di Unione europea, può rivelarsi necessaria una certa flessibilità per giungere ad un accordo, da esercitarsi sempre nel solco di scelte condivise con il proprio parlamento".

"In questa ottica, ritengo che ogni governo abbia il dovere di spiegarsi e interagire in modo dinamico, trasparente ed efficace con il Parlamento, in maniera da individuare soluzioni, ove opportuno anche innovative e coraggiose, verso un comune obiettivo europeo", dice ancora Monti.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below