PUNTO 1 - Monti vede passi avanti da Bce, per ora esclude aiuti

giovedì 2 agosto 2012 18:54
 

* Italia frena su attivazione calma spread

* Monti esclude con forza che Italia rischi bail out

* Da Draghi passi avanti: Bce vuole agire in proprio (Aggiunge dichiarazioni Monti e contesto)

ROMA, 2 agosto (Reuters) - Mario Monti esclude per ora di chiedere l'attivazione del meccanismo europeo per frenare l'allargamento dello spread, che oggi ha nuovamente superato i 500 punti base, e vede nelle parole di oggi di Mario Draghi un'ulteriore conferma che la Bce si muoverà a difesa dell'euro, nonostante i mercati abbiano reagito negativamente dopo la conferenza stampa della Bce.

Il presidente del Consiglio italiano ha incontrato a Madrid il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, assieme al quale è tornato a chiedere la rapida implementazione delle decisioni assunte dal Consiglio europeo di fine giugno per far fronte alla crisi della zona euro.

"Non so se il governo chiederà l'attivazione di questo strumento. Bisognerà prima esaminare bene le modalità e se ci occorre o no", ha detto Monti dopo che ieri da Helsinki aveva ipotizzato la possibilità che l'Italia potesse ricorrere al meccanismo di stabilizzazione degli spread qualora le tensioni sui mercati non dovessero attenuarsi.

Monti ha però precisato che l'acquisto di debito sovrano da parte dei fondi europei Efsf e Esm non è un'operazione di salvataggio e, di conseguenza, ha seccamente escluso che l'Italia necessiti di sostegni analoghi a quelli ricevuti da Grecia, Irlanda e Portogallo.

"Confermo che per quanto riguarda l'Italia, di aiuti grazie al cielo non ce n'è proprio bisogno. Abbiamo finanze pubbliche tra le più solide in Europa. Bail out o salvataggio, per l'Italia non si pone proprio il problema", ha proseguito il presidente del Consiglio ricordando che in base alle stime della Commissione europea l'Italia è in grado di garantire il pareggio di bilancio strutturale nel 2013.

  Continua...