Francia e Italia spingono per rendere operative difese euro zona

martedì 31 luglio 2012 16:08
 

ROMA, 31 luglio (Reuters) - Gli strumenti per difendere i Paesi dell'eurozona dalla pressione della speculazione, decisi nel Consiglio Ue di fine giugno, devono poter essere usati nel minore tempo possibile se necessario.

E' quanto dichiarano in una nota congiunta Italia e Francia al termine della colazione di lavoro a Parigi tra il presidente del Consiglio Mario Monti e il presidente francese François Hollande.

"Le conclusioni del Consiglio Europeo del 28 e 29 giugno scorso debbono essere attuate rapidamente. I dispositivi e gli strumenti previsti in tale occasione, debbono poter essere utilizzati nel minor tempo possibile, qualora necessario", dice la nota congiunta riferendosi, senza citarlo, anche al meccanismo cosiddetto calma-spread, cioè la possibilità che si intervenga a difesa dei titoli di Stato di paesi che hanno adottato politiche di rigore per sanare i bilanci ma che pagano ancora tassi elevati per rifinanziare il debito pubblico, come l'Italia.

Per questo nella dichiarazione congiunta si fa anche esplicito riferimento alle parole del presidente della Bce Mario Draghi che giovedì scorso ha detto che Francoforte è pronta a fare tutto quello che serve per difendere l'euro.

"La Francia e l'Italia si felicitano delle recenti dichiarazioni del Presidente della Banca centrale europea. Diversi Paesi della zona euro devono oggi rifinanziarsi a tassi di interesse troppo elevati, malgrado stiano portando avanti le difficili ma necessarie riforme economiche".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia