Sea, Gamberale chiede accelerazione inchiesta in interesse F2i

martedì 31 luglio 2012 13:12
 

MILANO, 31 luglio (Reuters) - Vito Gamberale, AD del fondo F2i indagato a Milano per turbativa d'asta nell'ambito di un'inchiesta sulla vendita alla società di una quota di Sea in mano al Comune di Milano, ha chiesto oggi ai magistrati di accelerare l'inchiesta nell'interesse dello stesso fondo.

Gamberale - che secondo quanto reso noto da fonti giudiziarie è stato interrogato a giugno dal sostituto procuratore Alfredo Robledo, titolare del fascicolo - si è recato oggi in procura col suo legale per una "visita di cortesia" ai magistrati.

"Sono venuto qui per esprimere perplessità legate la fatto che i giornalisti continuano a scrivere di questa vicenda e per chiedere se si può accelare l'inchiesta nell'interesse di F2i", ha detto ai giornalisti Gamberale, indagato insieme al senior partner di F2i Mauro Maia.

Fonti investigative riferiscono che allo stato non risultano indagati dipendenti di Palazzo Marino.

Qualche mese fa la procura di Milano ha aperto un fascicolo sulla cessione del 29,75% di Sea a F2i - che nel dicembre scorso si è aggiudicata la quota vincendo un'asta - dopo che i pm di Firenze, occupati in un'altra inchiesta, avevano inviato per competenza territoriale una intercettazione telefonica fra Gamberale e un'altra persona che avrebbe rassicurato il manager sul capitolato d'asta per la cessione della quota.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia