PUNTO 1-Crisi, Monti a Bersani: situazione "molto, molto preoccupante"

mercoledì 25 luglio 2012 13:14
 

(Aggiorna con altre dichiarazioni Bersani)

ROMA, 25 luglio (Reuters) - Il presidente del Consiglio Mario Monti e il segretario del Pd Pierluigi Bersani hanno discusso nel loro colloquio di questa mattina a palazzo Chigi di una "situazione generale molto, molto preoccupante", ma non ci dovrebbero essere ripercussioni immediate sulla stabilità dell'esecutivo, anche se la maggioranza si è spaccata ieri al Senato nel voto sul semi presidenzialismo.

Lo ha detto ai giornalisti lo stesso Bersani nel corso di una conferenza stampa successiva al colloquio avuto con il capo del governo questa mattina.

Bersani ha aggiunto che "c'è l'esigenza di dare seguito alle decisioni del vertice europeo e di uno stato di allerta di tutte le istituzioni".

Sulla situazione politica italiana Bersani ha definto "piuttosto stravagante" la discussione lanciata dai media su elezioni anticipate in autunno, ma ha aggiunto: "a settembre od ottobre capiremo com'e' (la situazione)".

Adesso per il leader del Pd è prioritario fare una nuova legge elettorale.

"Il problema è che ci vuole una legge elettorale per mettere l'Italia in condizione di poter decidere".

Dopo avere stigmatizzato quanto successo ieri al Senato, dove Pdl e Lega si sono ricompattati per votare un emendamento al ddl costituzionale sul semi presidenzialismo - "non fa bene alla stabilità del Paese, non so più se c'è una maggioranza o ce ne sono due" -, Bersani ha detto che "questo comunque non ci impedisce in queste ore di discutere ancora della legge elettorale".

"Ma non vogliamo essere portati a spasso... Siamo pronti a stringere, non accetteremo che la settimana prossima il Senato vada in vacanza, si discuta di legge elettorale"   Continua...