Btp sotto pressione tra volumi rarefatti, spread a massimi da gennaio

lunedì 23 luglio 2012 12:59
 

MILANO, 23 luglio (Reuters) - Mattinata pesante per il
mercato obbligazionario italiano che rivede i livelli di gennaio
scorso tra volumi molto bassi e ancora alla ricerca di una base
su cui rimbalzare. Lo spread è in area 523 pb a metà seduta. 
    I dealer si dicono preoccupati non solo per la debolezza del
mercato obbligazionario, che si sta per di più avviando verso le
nuove sedute d'asta, ma anche per le profonde vendite di titoli
azionari, soprattutto bancari, e dal calo dell'euro. 
    "Ci troviamo di nuovo in un momento critico, in cui per di
più la rarefazione degli scambi peggiora la situazione", dice un
dealer. "Già venerdì si era saggiato il mercato con pesanti
perdite, oggi si è vista un'accelerazione e il mercato è ancora
alla ricerca di una base su cui rimbalzare".
    Alla base del malumore odierno ci sono i nuovi timori per la
Grecia dopo che nel weekend il settimanale tedesco Spiegel ha
scritto che il Fmi avrebbe informato l'Ue di non voler
partecipare a eventuali nuovi pacchetti di aiuto alla Grecia
 e che la Grecia potrebbe andare in bancarotta
già a settembre. 
    Stamane il portavoce del ministero delle Finanze tedesco ha
in sostanza smentito tale impostazione, ma
l'inquitudine sul mercato è rimasta. Domani arrivano ad Atene
gli ispettori internazionali per chiedere ulteriori tagli di
spesa, mentre la Commissione europea ha detto stamani che è
improbabile che la prossima tranche di aiuti della zona euro
alla Grecia venga pagata prima di settembre.
   Anche il fronte spagnolo non offre distensione, dal momento
che non si trova una rapida soluzione alle modalità di
finanziamento del sistema bancario, ancora in bilico tra
l'intervento del fondo salvastati e quello de governo spagnolo. 
   In questa situazione le quotazioni sul mercato si sono
riportate sui livelli di inizio gennaio per l'Italia, quando il
governo Monti aveva mosso i primi passi, con una preoccupante
pressione sulla parte a breve della curva.
    Sulla piattaforma Tradeweb, lo spread Btp/Bund
 ha visto stamane un massimo a 529,8 punti base,
il livello più alto dall'11 gennaio scorso (531,8 pb) dai 501
della chiusura di venerdì, per poi salire ulteriormente in area
526 pb.   
   Parallelamente il rendimento sul decennale italiano
 ha visto un massimo a 6,433%, il livello più alto
dal 18 gennaio scorso, dal 6,16% di venerdì. 
    I dealer guardano come soglie critiche il livello del future
sui Btp a 96,20 e il rendimento del decennale a 6,50%. 
    Ancora più preoccupanti sono le vendite sul tratto a breve
della curva, la prima eventualmente risentire di un
peggioramento del quadro, con il Btp a due anni che ha visto
stamane un picco a 4,78%, il massimo dall'11 gennaio scorso. 
   Per quel che riguarda il debito spagnolo, lo spread tra Bonos
e Bund decennali resta in area 639 punti base,
in ulteriore allargamento dai 612 della chiusura di venerdì, con
rendimenti sul benchmark decennale iberico in area
7,55%. 
    
    OCCHI A PROSSIME ASTE ITALIANE 
   Se gli avvenimenti internazionali pesano in generale, i
dealer del mercato obbligazionario italiano guardano con
apprensione anche alle prossime aste del Tesoro.
    La novità in questa tornata è il concambio di mercoledì, con
cui il Tesoro propone il riacquiusto di una serie di
BTPei(usciti da alcuni indici di Barbalys dopo il downgrade di
Moody's dell'Italia) in cambio di Btp maggio 2017.
    Ciò avrà come conseguenza - secondo i dealer - che molto
difficilmente si terrà giovedì l'asta sui BTPei, lasciando per
quel giorno la sola asta di Ctz. Venerdì si terrà poi l'asta dei
Bot semestrali, mentre il lunedì successivo sarà la volta
dell'altro Btp a 5 anni (il giugno 2017) oltre al decennale.
"Sarà da osservare più avanti la reazione del mercato al doppio
intervento sul comparto dei quinquennali" commenta un dealer. 
     

========================== 12,30 =============================  
FUTURES BUND SETT.        145,09   (+0,32)       
FUTURES BTP SETT.          96,72   (-1,41)             
BTP 2 ANNI  (APR 14)   99,247  (-0,828) 4,718%     
 
BTP 10 ANNI (SET 22)  94,326  (-1,061) 6,362%     
 
BTP 30 ANNI (SET 40)  78,850  (-1,715) 6,787%     
 
            
========================= SPREAD (PB)========================= 
                                              ULTIMA CHIUSURA 
TREASURY/BUND 10 ANNI  27         30       
BTP/BUND 2 ANNI         479         436      
BTP/BUND 10 ANNI      522         501   
 livelli minimo/massimo           518,7-529,8  475,1-504,2 
BTP/BUND 30 ANNI      475         457      
SPREAD BTP 10/2 ANNI                  164,4       188,3   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  42,5        46,1  
==============================================================
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia