PUNTO 1-Crisi, spread delude, pesa anche incertezza politica-Monti

venerdì 20 luglio 2012 16:06
 

* Monti: i partiti non frenino l'azione del governo

* Il contagio dalla Spagna e da altri periferici "in corso" da tempo

* Importante che l'Italia non chieda aiuti alla Ue

* Monti esclude sia una nuova manovra, sia di volere una patrimoniale (Aggiunge dichiarazioni Monti e contesto)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 20 luglio (Reuters) - Mario Monti riconosce la delusione per l'andamento dello spread italiano, che è tornato oggi a superare i 500 punti base come non succedeva da dicembre, e sollecita i partiti a mantenere un atteggiamento responsabile con l'avvicinarsi delle elezioni politiche nel 2013.

Parlando al termine del Consiglio dei ministri di questa mattina, il presidente del Consiglio richiama "le forze politiche che sostengono la maggioranza alla necessità di non allentare l'impegno e il ritmo decisionale" del governo.

"Era sicuramente nostra speranza che sia i provvedimenti di risanamento, sia le riforme strutturali generassero effetti positivi nei mercati finanziari in termini di riduzione dei tassi interessi e quindi di spread. Questo in parte e in certe fasi si è verificato e purtroppo questo movimento in discesa dei tassi c'è stato ma si è arrestato e poi invertito", ha detto Monti.

Il presidente del Consiglio ha comunque voluto sottolineare che rispetto a novembre 2011, negli ultimi giorni dell'esecutivo guidato da Silvio Berlusconi, la differenza di rendimento tra Btp e Bund a 10 anni oscillava intorno a 574 punti base, quasi 80 punti sopra il livello attuale.   Continua...