Scudo anti-spread, prosegue lavoro tecnico - portavoce Commissione

giovedì 19 luglio 2012 13:31
 

BRUXELLES, 19 luglio (Reuters) - Sul meccanismo anti-spread proseguono in sede europea i lavori tecnici volti a rendere lo 'scudo' disponibile una volta ratificato e pienamente operativo il fondo permanente salva-Stati Esm (European Stability Mechanism).

Lo spiega il portavoce per gli Affari economici e monetari, ribadendo che la possibile attivazione del meccanismo anti-spread seguirà la richiesta di un Paese membro e avverrà in base alle linee guida dei fondi di salvataggio della zona euro.

"Qualunque intervento necessita la richiesta da parte degli stati membri e verrà seguito da una procedura basata sulle linee guida" ha detto Simon O'Connor, portavoce del commissario Ue agli affari economici Olli Rehn, durante il punto stampa quotidiano della Commissione.

Il funzionario ha ricordato che le linee guida che sono attualmente a disposizione descrivono gli strumenti con cui il firewall della zona euro può intervenire sul mercato primario e secondario.

"Il lavoro tecnico continua per assicurare che l'Esm sarà pienamente operativo una volta entrato in vigore."

Il processo di ratifica dell'Esm non si è ancora concluso in tutti gli stati della zona euro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia