Btp chiudono in calo, spread a 467 pb, mercato guarda a aste domani

giovedì 12 luglio 2012 17:45
 

MILANO, 12 luglio (Reuters) - Chiusura in calo per il
mercato obbligazionario italiano, con vendite che sono tornate a
prevalere una volta archiviata l'asta Bot di questa mattina, e
in attesa dei collocamenti a medio-lungo termine di domani, tra
cui spicca quello del nuovo Btp a tre anni.
    "Siamo partiti bene questa mattina, poi dopo l'asta c'è
stato un peggioramento, poi nel pomeriggio la situazione è
rimasta praticamente stabile", spiega un trader da Milano. 
    Stamane il Tesoro ha collocato i previsti 7,5 miliardi di
Bot a 12 mesi (su quasi 10,5 in scadenza tre e 12 mesi): netto
il calo dei rendimenti - quasi 130 punti base - al 2,697%,
minimo da maggio, dal 3,972% di metà giugno. In calo, tuttavia,
anche il bid-to-cover, a 1,546 dal precedente 1,732, con
richieste complessivamente per 11,596 miliardi.
    "Va detto che il bid-to-cover non è stato altissimo, era un
po' che non si vedevano rendimenti così bassi e questo
probabilmente non ha invogliato gli investitori a chiedere di
più" prosegue il trader. "A quel punto è subentrato anche un po'
di volontà di posizionarsi in vista della giornata di domani".
    Gli operatori sottolineano come l'azzeramento del rendimento
sulla liquidità parcheggiata dalle banche in Bce, decisa la
settimana scorsa da Francoforte insieme al taglio del costo del
denaro allo 0,75%, possa comunque rappresentare un fattore di
sostegno, per quanto al momento marginale, della domanda di
carta a breve italiana.
    
    RENDIMENTI VISTI IN CALO PER NUOVO BTP 3 ANNI
    Occhi puntati dunque sul lancio domattina del nuovo Btp
triennale luglio 2015 (la cedola passa al 4,5% dal 2,5%) con
un'offerta compresa tra 2,5 e 3,5 miliardi di euro. A questo si
aggiungono fino a 1,75 miliardi complessivi delle riaperture dei
tre Btp off-the-run settembre 2019, marzo 2022 e agosto 2023.
    Probabile domani una discesa dei rendimenti sull'asta del
nuovo benchmark triennale: a fine seduta, sul mercato grigio, il
titolo tratta in area 4,80% di rendimento -
secondo quanto riferito da un operatore - contro il 5,30% di
metà giugno, quando in asta c'era ancora il vecchio benchmark
marzo 2015: siamo sui minimi, sebbene quasi un punto percentuale
sopra, dal 3,91% dell'asta di maggio.
    "L'asta arriva in un contesto di mercato volatile. Il rally
post summit Ue è stato in parte riassorbito", si legge in una
nota di Unicredit, che ricorda come i rendimenti sui Btp a 3 e
10 anni trattino ora, rispettivamente, circa 25 e 70 punti base
sopra i minimi toccati in scia all'entusiasmo per i risultati
del Consiglio europeo di fine giugno.
    Secondo Unicredit, agli attuali valori di grey market, il
luglio 2015 offre "un interessante premio sulla curva" e
risulterebbe "a buon mercato" all'interno della sua area di
maturità.
    Inoltre, ricorda Unicredit, il vecchio benchmark marzo 2015
strinse nei giorni successivi all'emissione rispetto al suo
predecessore, il novembre 2014, cosa che - si legge nel report
della banca - potrebbe ripetersi anche considerando che il
Tesoro ha deciso di cancellare la prossima asta di metà mese.
    Su piattaforma Tradeweb lo spread di rendimento tra Btp e
Bund decennali termina la seduta in area 467 punti base, di
nuovo sui massimi intraday di metà giornata, contro i 456 della
chiusura di ieri, col rendimento sul dieci anni italiano che
contestualmente risale oltre il 5,90%.
    Nella prima parte della mattinata lo spread era scivolato
fin sotto la soglia dei 450 punti base. 
    "La curva si è mantenuta pressoché in linea a ieri, anche se
un po' di appiattimento c'è stato, specie sul tratto cinque
anni", spiega un secondo trader.
    D'altra parte, la pubblicazione ieri sera delle minute della
Fed - che hanno deluso le attese di chi si aspettava indicazioni
concrete dell'imminente allargamento del programma di acquisto
bond - ha contribuito lungo tutta la seduta a tenere alta
l'avversione al rischio, sostenendo i Bund e parallelamente
pesando sugli indici azionari.
        
========================== 17,30 =============================  
FUTURES BUND SETT.        144,81   (+0,17)           
FUTURES BTP SETT.          99,90   (-0,69)             
BTP 2 ANNI  (APR 14)  100,327  (-0,112) 4,115%     
 
BTP 10 ANNI (SET 22)  97,464  (-0,854) 5,915%     
 
BTP 30 ANNI (SET 40)  84,537  (-0,638) 6,258%     
 
            
========================= SPREAD (PB)========================= 
                                              ULTIMA CHIUSURA   
 
TREASURY/BUND 10 ANNI  24          24       
BTP/BUND 2 ANNI         417         406      
BTP/BUND 10 ANNI      467         456   
 livelli minimo/massimo           448,5-467,5  454,4-469,1 
BTP/BUND 30 ANNI      414         406      
SPREAD BTP 10/2 ANNI                  180,0       179,3   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  34,3        37,5  
==============================================================
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia