Zona euro, inflazione a target prima di quanto previsto - Draghi

giovedì 12 luglio 2012 15:41
 

CASABLANCA, 12 luglio (Reuters) - L'inflazione sta rallentando più velocemente di quanto previsto nella zona euro, ha detto il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, aggiugendo che le condizioni del credito dovrebbero migliorare entro la fine dell'anno.

Partecipando a un incontro a Casablanca con le banche centrali della zona euro e dei Paesi del Mediterraneo, il banchiere centrale ha ribadito che l'euro è irreversibile.

"In altre parole, l'inflazione sarà vicino al nostro obiettivo... prima di quanto indicato nelle nostre ultime previsioni", ha detto Draghi, aggiugendo che Francoforte ritiene i rischi relativi alla dinamica dei prezzi sostanzialmente bilanciati. La Bce ha come obiettivo un tasso di inflazione di poco inferiore al 2%.

Draghi ha aggiunto che, negli ultimi mesi, la Spagna ha varato misure molto significative per riparare le proprie finanze pubbliche.

Nell'ambito della conferenza, la Banca centrale europea e gli altri istituti centrali nei paesi del Mediterraneo hanno affermato che tocca ai governi affrontare le cause profonde della crisi della zona euro, che sta facendo sentire il proprio peso su molte economie dell'area.

La scorsa settimana, l'istituto guidato da Draghi ha ridotto i tassi d'interesse a un minimo record di 0,75%, con l'obiettivo di sostenere l'economia, ma non ha sbloccato il programma di acquisto titoli sul secondario.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia