July 11, 2012 / 12:07 PM / 5 years ago

PUNTO 1-Banche rispettano obiettivi capitale Eba, consolidino progressi-Visco

5 IN. DI LETTURA

(Aggiunge altre dichiarazioni Visco, contesto)

ROMA, 11 luglio (Reuters) - Le prime cinque banche italiane rispettano oggi gli obiettivi di capitale richiesti dall'autorità bancaria europea (Eba) con un Core Tier 1 al 10%.

Lo ha detto il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco all'assemblea dell'Abi, sollecitando gli istituti di credito a consolidare i progressi conseguiti.

In dicembre l'Eba ha chiesto a Unicredit, Intesa Sanpaolo, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banco Popolare e Unione di banche italiane di rafforzare il proprio capitale per un totale di 15,4 miliardi tenendo conto dell'esposizione al rischio sovrano.

"Le esigenze di capitale sono state coperte per oltre il 70% mediante aumenti di capitale sottoscritti da privati e con autofinanziamento. Ha contribuito la riduzione delle attività ponderate per il rischio a seguito del più ampio utilizzo di modelli interni, assoggettati ad attento scrutinio da parte della Vigilanza", ha riassunto Visco.

L'intervento dello Stato in Mps, ha spiegato, si è reso necessario a causa delle tensioni sui mercati e per non ridurre il credito all'economia.

Secondo i dati forniti dalla Banca d'Italia, il sistema bancario italiano, nel suo insieme, ha migliorato l'indicatore patrimoniale chiave al marzo di quest'anno al 9,9% dal 7,1% di prima della crisi.

"Ovviamente queste sono medie. Le varianze sono importanti e noi siamo attenti a tenere queste varianze sotto controllo", ha sottolineato Visco, integrando il suo discorso.

"Sulla base di analisi individuali, tarate in base alla maggiore o minore esposizione alle diverse tipologie di rischio, abbiamo chiesto ai singoli intermediari di innalzare ulteriormente i livelli di patrimonio di migliore qualità rispetto a quelli regolamentari", ha detto ancora.

Necessario Scudo Spread

Visco, che fa parte del consiglio della Banca centrale europea, ha confermato le stime sul rallentamento dell'economia italiana annunciate in un'intervista al Corriere della Sera domenica: "Secondo le previsioni di consenso, nella media di quest'anno, il prodotto in Italia diminuirebbe di poco meno di due punti percentuali. Al peggioramento dello scenario concorrono l'aumento del costo e il deterioramento della disponibilità di credito indotti dalla crisi del debito sovrano".

Tuttavia, i fondamentali dell'economia italiana non giustificano un differenziale tra i rendimenti dei titoli di Stato italiani e quelli tedeschi oggi in area 460 punti.

Lo spread, ha osservato Visco, "è di gran lunga superiore a quanto sarebbe giustificato... Riflette generali timori di rottura dell'unione monetaria: un'ipotesi remota, che sta però condizionando le scelte degli investitori internazionali".

All'assemblea dell'Abi ha preso la parola anche il presidente del Consiglio e ministro dell'Economia Mario Monti, reduce dal Consiglio Ue di fine giugno e dall'Eurogruppo di lunedì, in cui si è battuto per l'introduzione di un meccanismo calma-spread a livello europeo riservato ai paesi virtuosi come l'Italia.

E al capo del governo è sembrato rivolgersi Visco quando ha detto che per orientare positivamente il giudizio dei mercati sui progressi compiuti dagli stati membri "le risorse a disposizione dei fondi di stabilizzazione europei, Efsf ed Esm, andranno utilizzate al meglio, anche per contenere i costi di finanziamento entro limiti coerenti con le condizioni di fondo delle diverse economie".

Riferendosi sempre a recenti orientamenti dell'Unione verso un sistema di supervisione bancaria unitario, Visco ha detto che per realizzare questo progetto devono essere introdotti "fondi e meccanismi europei per la garanzia dei depositanti e per la risoluzione delle crisi".

L'idea della Banca d'Italia, ribadita oggi dal suo numero uno, è che la costruzione europea debba evolvere "in una vera federazione" e che bisogna porre le basi di "una unione fiscale".

"La moneta comune può essere fonte duratura di stabilità e di progresso solo se viene fatta poggiare su quelle basi".

(Giselda Vagnoni)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below