Btp calano, spread a livelli pre-consiglio Ue, attesa Eurogruppo

venerdì 6 luglio 2012 12:53
 

MILANO, 6 luglio (Reuters) - Situazione di debolezza per il
secondario italiano, che in termini di spread cede il recupero
messo a segno dopo l'accordo raggiunto dal consiglio europeo lo
scorso venerdì.
    "La situazione è difficile, ma una svolta è possibile se la
cose dette al consiglio europeo lo scorso week-end verranno
definite nell'ambito della riunione dell'Eurogruppo di lunedì
prossimo" dice un trader italiano, che vede comunque una
situazione complessa.
    "Non vedo un pacchetto pronto entro lunedì. Su questa cose
lavoreranno fino alla fine di luglio o l'inizio di agosto" ha
detto un diplomatico della zona euro coinvolto nei preparativi
dell'incontro di lunedì.        
    Accanto alle cautele della Germania, Finlandia e Olanda
hanno mostrato perplessità sull'accordo raggiunto nell'ambito
del consiglio europeo sulla possibilità di usare il fondo di
salvataggio della zona euro per alleggerire le pressioni sul
debito dei paesi in difficoltà.
   Ieri il presidente della Bce Mario Draghi ha detto che il
summit europeo ha prodotto impegni nel lungo termine e misure
tangibili per il breve termine, che per essere credibili devono
essere accompagnate da "stretta condizionalità".  
    
    'CORE' BENEFICIANO DI TAGLIO TASSO DEPOSITI
    Il secondario italiano è appesantito insieme a quello
spagnolo dalle parole pronunciate da Draghi in occasione della
conferenza stampa che ha fatto seguito alla decisione di
tagliare i tassi d'interesse. Il rendimento del decennale
spagnolo è salito in seduta sopra il 7%.
    "La seduta di oggi è dominata dalle parole di Draghi e dal
taglio dei tassi effettuato ieri dalla Bce, che ha innescato la
performance di 'core' e 'semi-core' dato che, alla luce del
taglio sui depositi e della conseguente non remunerazione della
pratica di lasciare fondi presso la Bce, gli investitori sono
alla ricerca di una 'reallocation' e si buttano su Germania,
Francia, Belgio" dice il trader.    
    L'istituto centrale europeo ha deciso un taglio di 25 punti
base del tasso di riferimento. Si tratta del terzo taglio dei
tassi da quando la presidenza dell'istituto centrale è stata
assunta da Mario Draghi. In linea con le attese del mercato, il
costo del denaro nei 17 paesi dell'Unione monetaria è stato
portato al nuovo minimo storico dello 0,75%. Meno scontata ma
non inattesa, e anch'essa di 25 punti base, la riduzione dei
tassi sui depositi e i prestiti overnight, rispettivamente allo
zero e all'1,50%. 
    "Le parole di Draghi sono state in parte prese negativamente
dal mercato specie in relazione alla temporaneità delle misure
straordinarie" dice.  
    In seduta il differenziale fra i tassi dei decennali di 
riferimento italiano e tedesco ha raggiunto i 470 punti base,
livello che non vedeva dalla scorsa settimana prima dell'accordo
Ue nell'ambito del Consiglio europeo.
    In seduta il rendimento del due anni tedesco ha registrato
un'incursione in territorio negativo, fino a -0,009%
.
           
========================== 12,40 =============================  
FUTURES BUND SETT.        143,32   (+0,20)           
FUTURES BTP SETT.          98,62   (-0,64)             
BTP 2 ANNI  (APR 14)  100,320  (-0,223) 4,119%     
 
BTP 10 ANNI (SET 22)  96,377  (-0,572) 6,069%     
 
BTP 30 ANNI (SET 40)  82,974  (-0,541) 6,396%     
 
            
========================= SPREAD (PB)========================= 
                                              ULTIMA CHIUSURA   
 
TREASURY/BUND 10 ANNI  20          20       
BTP/BUND 2 ANNI         413         400      
BTP/BUND 10 ANNI      464         459   
 livelli minimo/massimo           442,5-470,5  433,5-463,5 
BTP/BUND 30 ANNI      415         411      
SPREAD BTP 10/2 ANNI                  195,0       197,3   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  32,7        37,8  
==============================================================
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia