SCHEDA - Spending review, tagli da 4,5 mld in 2012, 10,5 in 2013

venerdì 6 luglio 2012 11:00
 

6 luglio (Reuters) - La prima fase operativa della spending review assicura risparmi allo Stato per 4,5 miliardi nel 2012, 10,5 miliardi nel 2013 e 11 miliardi per il 2014.

Il decreto legge varato ieri notte dal governo, dopo quasi otto ore di riunione, pone le basi per ridurre del 10% i dipendenti pubblici, contiene massicci tagli alla spesa corrente e alle dotazioni di ministeri ed enti locali.

Un nuovo provvedimento vedrà la luce nelle prossime settimane e riguarderà "le agevolazioni fiscali, la revisione strutturale della spesa e i contributi pubblici sulla base delle analisi effettuate" da Giuliano Amato e Francesco Giavazzi, spiega Palazzo Chigi in una nota.

"La riduzione della spesa non incide in alcun modo sulla quantità di servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni a favore dei cittadini ma mira a migliorarne la qualità e l'efficienza", dice il governo.

Ecco una sintesi delle misure contenute nel decreto legge.

AUMENTO IVA SOSPESO DA OTTOBRE FINO AL 30 GIUGNO 2013

Le aliquote Iva del 10 e del 21% saliranno di due punti percentuali dal primo luglio 2013 e non più da ottobre 2012, come prevede la manovra correttiva di dicembre.

I risparmi raccolti attraverso il taglio mirato della spesa pubblica sono sufficienti anche per ridurre dal 2014 le due aliquote di un punto percentuale, all'11 e al 22%, secondo quanto si legge nelle bozze del decreto legge circolate ieri.   Continua...