SINTESI -Bce taglia tassi, no nuove misure non convenzionali

giovedì 5 luglio 2012 18:08
 

* Bce taglia tasso chiave di 0,25% al minimo record

* Draghi non promette nuove misure non convenzionali

* Tasso depositi a zero per far circolare liquidità

FRANCOFORTE, 5 luglio (Reuters) - La Banca centrale europea ha tagliato i tassi al minimo record per dare respiro all'economia della zona euro che si sta deteriorando, ma ha escluso la possibilità di una nuova operazione di finanziamento Ltro e non ha fatto cenno a nuove misure non convenzionali.

La decisione di ridurre il tasso principale di un quarto di punto all'0,75%, portando la remunerazione dei depositi a zero, è stata presa all'unanimità e ha seguito una nuova raffica di dati deprimenti sull'economia.

Il presidente Mario Draghi ha detto che il taglio dei tassi è stato deciso a fronte del materializzarsi dei rischi al ribasso sulla crescita della zona euro e di pressioni inflative in raffreddamento.

"La crescita economica continua ad essere debole, con un'accresciuta incertezza che pesa sulla fiducia" ha affermato Draghi, che comunque esclude di vedere segnali deflazionistici in alcun paese della zona euro. "Oltre il breve termine ci aspettiamo che l'economia dell'area euro si riprenda gradualmente sebbene lo slancio sia stato smorzato da una serie di fattori. In particolare le tensioni sui mercati del debito di alcuni emittenti sovrani dell'area euro e il loro impatto sulle condizioni di credito".

L'allentamento della politica monetaria della zona euro ha seguito a ruota mosse simili prese dalla Banca d'Inghilterra e dalla Banca centrale cinese, ma Draghi ha precisato che gli istituti centrali non hanno agito in maniera coordinata.

Borse e mercati obbligazionari hanno reagito inizialmente in modo positivo, per poi cambiare rotta e mostrare un netto peggioramento, per alcuni operatori proprio a causa dell'aspettativa delusa riguardo a nuove misure non convenzionali.   Continua...