PUNTO 1-Italia non ha bisogno di aiuti per finanziare disavanzo-Monti

mercoledì 4 luglio 2012 19:41
 

* Monti incontra Merkel dopo scontro a Consiglio Ue

* Merkel spiega che sacrifici chiesti a tedeschi hanno funzionato

* Cancelliera dice "che con Mario ha sempre trovato una intesa" (Accorpa pezzi, aggiunge altre dichiarazioni, contesto)

di Giselda Vagnoni e Roberto Landucci

ROMA, 4 luglio (Reuters) - L'Italia non fa domanda per utilizzare il meccanismo europeo calma-spread dal momento che non ha bisogno di sostegno per finanziare il suo disavanzo, ma si è battuta anche contro la Germania perchè il Consiglio Ue lo approvasse per evitare che tassi troppo alti scoraggino politiche di rigore e riforme.

Questa la risposta di Mario Monti al termine dell'incontro con la Cancelliera tedesca Angela Merkel alla domanda di un giornalista tedesco sul perchè Roma non intenda ricorrere allo strumento che ha così tanto voluto da minacciare di bloccare i lavori del summit di Bruxelles della scorsa settimana.

Alle 4 del mattino di venerdì i leader europei hanno deciso di permettere ai fondi salva-Stati di agire sul mercato secondario per stabilizzare i tassi dei titoli dei Paesi in linea con le regole europee di bilancio.

La decisione, vista come una vittoria di Monti in Italia, è stata molto criticata in Germania dove prevale l'idea che qualsiasi forma di aiuto agli Stati in difficoltà allenti la pressione al consolidamento dei conti.

I dettagli dell'accordo non sono ancora noti, ma Finlandia e Olanda si sono già espresse contro e ieri Monti non ha escluso che per superare le opposizioni dei due paesi nordici i ministri delle Finanze debbano riunirsi oltre al 9 anche il 20 luglio.   Continua...