PUNTO 1-Confindustria vede Italia "nell'abisso", Pil 2012 a -2,4%

giovedì 28 giugno 2012 11:39
 

* Pareggio di bilancio lontano per Italia

* Crisi provoca danni simili a guerra

* Previsioni ancora peggiori se vertice Ue fallisce

* Pressione fiscale a 54,6% in 2013, male occupazione (Aggiunge dichiarazioni e dettagli)

di Antonella Cinelli

ROMA, 28 giugno (Reuters) - L'economia italiana è "nell'abisso", con un Pil 2012 che scende a -2,4% e il pareggio di bilancio che si allontana rispetto al 'close to balance' indicato per il 2013 dal governo, secondo il quadro macroeconomico a tinte fosche fornito oggi dal Centro Studi di Confindustria(Csc).

La previsione del -2,4% peggiora quella già negativa di una contrazione dell'1,6% indicata nelle precedenti stime del Csc di dicembre, mentre per il 2013 il Pil è dato a -0,3% da 0,6%. E la situazione potrebbe addirittura peggiorare se dovesse fallire il Consiglio europeo di Bruxelles di oggi e domani, nel quale sono riposte le speranze di superare la crisi dei debiti sovrani e stabilizzare l'euro.

Male anche il debito/Pil che per l'anno in corso è dato in crescita al 125,7% (dal 121,3% precedente) e per il 2013 a 125,8% da 118%.

Le ultime stime governative indicavano un rapporto al 123,4% nel 2012, considerato già un picco massimo, per poi calare al 121,5% nel 2013, e al 118,2% l'anno successivo.   Continua...