Lavoro, Milano vuole diventare "no tax area" per le start up

martedì 26 giugno 2012 17:25
 

MILANO, 26 giugno (Reuters) - Il Comune di Milano punta a diventare una "no tax area" per le giovani imprese.

A dirlo oggi è l'assessore allo Sviluppo economico Cristina Tajani, durante un convegno alla presenza del coordinatore della task force del ministero dello Sviluppo economico sul progetto Start up Italia.

"Abbiamo inviato da tempo al ministero il nostro progetto sulla creazione d'impresa", ha detto Tajani, come si legge in una nota del Comune.

"Dal governo ci viene la richiesta di creare le condizioni favorevoli, a livello territoriale, per la nascita di nuove imprese", ha spiegato l'assessore, sottolineando che il Comune sta facendo la propria parte, con una serie di progetti di incubazione d'impresa sostenuti da un fondo di 10 milioni di euro.

"Chiediamo ora al governo di aggiungere alle nostre misure ulteriori agevolazioni, anche fiscali, che vadano nella direzione di fare di Milano una no tax area per le giovani imprese".

L'assessore ha aggiunto che a breve sarà costituita una task force tra più soggetti istituzionali e imprenditoriali per coordinare "le diverse iniziative del territorio".

"È necessario fare massa critica tra il livello locale e quello nazionale. Su questo ci aspettiamo un impegno concreto del governo".

Per luglio - precisa la nota - è atteso un decreto dell'amministrazione centrale sulle start up.

(Ilaria Polleschi)

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia