PUNTO 1-Grecia, si dimette ministro delle Finanze, crisi peggiora

lunedì 25 giugno 2012 19:05
 

(riscrive con dettagli, contesto)

ATENE, 25 giugno (Reuters) - Il neo-incaricato ministro delle Finanze greco Vassilis Rapanos ha deciso di rinunciare all'incarico per problemi di salute, gettando confusione sulla strada del governo che punta ad ottenere un ammorbidimento dei termini del bailout, pochi giorni prima del summit europeo.

Rapanos, 64 anni, presidente della Banca nazionale greca, è stato portato d'urgenza in ospedale venerdì scorso, prima del giuramento da ministro, per dolori addominali, nausea e giramenti di testa. Secondo i media greci, Rapanos ha avuto spesso problemi di salute.

L'ufficio del primo ministro Antonis Samaras, insediatosi solo lo scorso mercoledì, ha detto che Rapanos gli ha inviato una lettera di dimissioni a causa dei suoi problemi e che lui le ha accettate.

Samaras stesso è uscito oggi dall'ospedale per un intervento agli occhi. Sia lui che Rapanos avevano comunque già assicurato la propria presenza al summit europeo del 28 e 29 giugno.

Si tratta di un inizio preoccupantemente caotico per il nuovo governo, formato dopo le seconde elezioni in un mese, che deve affrontare una strada in salita per rispondere alla dura opposizione nel paese alle misure di austerity imposte dal piano di salvataggio Ue/Fmi.

Solo poche ore prima delle dimissioni di Rapanos, un bollettino medico riferiva che sarà dimesso domani, dopo essere stato sottoposto a gastroscopia e colonscopia che sono risultate regolari, secondo quanto riferito da una fonte dell'ospedale.

Una fonte di uno dei tre partiti della nuova coalizione di governo ha detto che Rapanos è stato messo sotto pressione dalla famiglia affinché lasciasse l'incarico, a causa dei suoi disturbi.

I problemi di salute di Rapanos e Samaras hanno anche costretto a posticipare il primo incontro tra il nuovo governo e la troika di creditori internazionali, originariamente fissato per oggi.

Il governo di Samaras ha promesso ai greci di allentare i termini punitivi del piano di salvataggio, anche se la Germania finora ha rifiutato di fare concessioni. Una nuova data per l'incontro con la troika non è ancora stato fissata.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia