PUNTO 1-Banche italiane non hanno bisogno di nuova Ltro ora-Sabatini

venerdì 27 aprile 2012 18:20
 

* Aumento spread potrebbe creare nuovi problemi di finanziamento

* Italia diversa da Spagna, ma nuovo downgrade non escluso

* Traiettoria conti pubblici mette al sicuro debito italiano (Accorpa pezzi, aggiunge dichiarazioni Sabatini)

di Giselda Vagnoni

ROMA, 27 aprile (Reuters) - Le banche italiane non hanno bisogno per il momento di una nuova tranche di finanziamenti a tre anni all'1% (Ltro) da parte della Banca centrale europea (Bce) ma l'aumento del differenziale tra rendimenti sui titoli italiani e quelli tedeschi potrebbe creare nuovi problemi di finanziamento.

La situazione dell'Italia è più solida di quella spagnola ma un nuovo abbassamento del rating sovrano non può essere escluso.

Lo ha detto il direttore generale dell'Abi Giovanni Sabatini nel corso di un incontro con la stampa estera.

"La solidità del Paese è fuori discussione e crediamo che, nonostante il peggioramento della congiuntura, la traiettoria di messa in sicurezza dei conti pubblici sia tale da garantire solidità al nostro debito e quindi la solidità delle banche italiane che investono in debito pubblico italiano", ha detto Sabatini nel corso dell'incontro.

Il direttore dell'Abi ha quindi aggiunto che, "certo, di nuovo ci sono tensioni sui mercati finanziari e lo spread oscilla attorno a 400 e questo potrebbe nuovamente provocare tensioni sul fronte della raccolta, ma in questo momento [ritengo che] un'altra asta [Ltro da parte della Bce] non sia essenziale".   Continua...