Italia, Pil 2012 -1,8%, deficit 2,2%, migliora saldo commerciale -Ref

giovedì 26 aprile 2012 14:07
 

MILANO, 26 aprile (Reuters) - Il 2012 è un anno di recessione per l'economia italiana e, dal punto di vista dei conti pubblici, un anno di transizione nel percorso di consolidamento della finanza pubblica.

Scende il deficit pubblico, aumenta la pressione fiscale, cade la domanda interna, la disoccupazione aumenta, si contraggono i salari reali. L'intensità della recessione è attenuata dalla tenuta delle esportazioni, cade l'import, migliora il saldo commerciale.

Lo scenario è trattetìggiato dal centro-studi di Ref nel rapporto trimestrale diffuso oggi.

Dal punto di vista dei numeri quest'anno il Pil calerà dell'1,8% con un deficit/pil al 2,2% in 2012 e un debito al 123,4%.

Rimane elevata l'inflazione - al 3,2 - mentre il tasso di disoccupazione sale al 9,5%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia