Monti dice che deficit/Pil a 0,5% in 2013 rispetta impegni europei

mercoledì 18 aprile 2012 14:39
 

ROMA, 18 aprile (Reuters) - Il nuovo obiettivo di deficit 2013 allo 0,5% del Pil rispetta l'impegno preso dall'Italia con la comunità internazionale di centrare il pareggio di bilancio alla fine del prossimo anno, ha detto oggi il presidente del Consiglio Mario Monti.

"Nel 2013 l'Italia dovrebbe raggiungere una posizione di bilancio in valore nominale di -0,5% del Prodotto interno lordo, in conformità con il Trattato sul Fiscal Compact", per il quale "il saldo strutturale annuo della PA è pari all'obiettivo di medio termine specifico per il Paese con il limite inferiore di un disavanzo strutturale del 0,5% del Pil ai prezzi di mercato", si legge in una nota di palazzo Chigi.

"Il rispetto dei margini europei è ulteriormente confermato dal fatto che in termini strutturali nel 2013 verrà raggiunto un surplus pari allo 0,6% del Pil", dice Palazzo Chigi confermando quanto anticipato ieri da Reuters.

Monti, che ha tagliato le previsioni di crescita per l'anno in corso a -1,2% dal precedente -0,4%, non nasconde che malgrado i progressi compiuti "l'Italia ha ancora molta strada da fare" e che i prossimi mesi saranno cruciali.

Nel 2012 resta essenziale la prosecuzione del risanamento dei conti pubblici, "in particolare attraverso la spending review e il rafforzamento della lotta all'evasione".

L'azione sulla crescita si concentrerà sul miglioramento dell'accesso al credito, sulla riduzione dei tempi di pagamento della PA alle imprese, sugli incentivi alle start-up innovative, su tempi più rapidi per i procedimenti della giustizia civile, sul completamento dell'agenda digitale.

(Giuseppe Fonte, Giselda Vagnoni)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia