PUNTO 1-Non è compito Bce correre in sostegno Spagna - Weidmann

mercoledì 18 aprile 2012 11:49
 

(Aggiorna con alcune dichiarazioni)

di Paul Carrel e Andreas Framke

FRANCOFORTE, 18 aprile (Reuters) - La Spagna dovrebbe considerare un aumento dei rendimenti sui suoi titoli di Stato come uno stimolo per affrontare le cause profonde delle tensioni sul suo debito, mentre non è compito della Banca centrale europea aiutare Madrid, acquistando i suoi bond.

Lo dichiara in un'intervista a Reuters Jens Weidmann, membro del consiglio governativo della Bce.

Il banchiere tedesco, presidente della Bundesbank, aggiunge che non c'è motivo per discutere un terzo finanziamento della Bce a lungo termine (Ltro).

"Non possiamo sempre parlare della fine del mondo se i tassi a lungo termine di un paese salgono temporaneamente al di sopra del 6%", commenta Weidmann. "Questo è anche un pungolo per i politici nei paesi considerati per fare i loro 'compiti a casa' e riguadagnare la fiducia dei mercati perseguendo il sentiero delle riforme".

Un recente aumento dei rendimenti sulle obbligazioni spagnole oltre 6% ha alimentato i timori che i tassi puntino al 7%. Grecia e Portogallo sono stati obbligati a ricorrere al salvataggio internazionale quando il loro costo di finanziamento ha superato questa soglia.

Sono cinque settimane consecutive che la Bce non utilizza il proprio programma di acquisto titoli sul secondario (Smp), ma un altro banchiere Bce, Benoit Coeure, responsabile per l'Smp, ha creato aspettative sul mercato che il piano di acquisti verrà rispolverato.

"I limiti dell'Smp sono diventati evidenti", commenta Weidmann, aggiugendo, però, "allo stesso tempo il programma non è stato bloccato dalla Bce. Benoit Coeure ha detto questo", puntualizza il banchiere tedesco.   Continua...