Esodati, risorse saranno trovate gradualmente per tutti - Polillo

lunedì 16 aprile 2012 10:25
 

ROMA, 16 aprile (Reuters) - Il governo riuscirà gradualmente a trovare le risorse necessarie per garantire a tutti gli esodati un reddito, secondo il sottosegretario all'Economia, Gianfranco Polillo.

"Ci sono stati progressi. Abbiamo coperto coloro che hanno perso il lavoro, ce ne saranno altre nei prossimi anni e man mano che scatteranno questi meccanismi ce ne occuperemo", ha detto Polillo in un intervento telefonico a Canale 5.

Alla domanda se la copertura arriverà per tutti i 350.000 esodati di cui si parla in queste settimane, il sottosegretario ha risposto: "I numeri non li sappiamo perché dobbiamo evitare il pericolo di aprire la strada ai prepensionamenti. Dobbiamo valutare con grande rigore gli accordi fatti entro il 4 dicembre e verificheremo la copertura solo per coloro che hanno realizzato gli accordi ma che scatteranno nei prossimi anni".

Non li lascerete a piedi? "Assolutamente no, sarà un intervento graduale per evitare di caricare le finanze pubbliche di un costo di oggi che sarà invece sostenuto nei prossimi anni", ha concluso.

Gli esodati sono quei lavoratori che hanno accettato, prima del 31 dicembre 2011, di lasciare l'azienda anzitempo con la certezza di ricevere la pensione massimo entro due anni, ma che con la nuova riforma della previdenza che innalza l'età per lasciare il lavoro si trovano senza occupazione e senza assegno, non potendo più collegare lo scivolo incentivato alla pensione.

Il governo al momento ha garantito una copertura solo per i primi 65.000 ma serviranno altre risorse per garantire un reddito a coloro che hanno promesso di lasciare il lavoro nei prossimi anni.

Con la nuova legge per andare in pensione sono necessari 41 anni di contributi, 42 per gli uomini, oppure una età anagrafica che sale gradualmente da 62 anni nel 2012 per arrivare a 66 nel 2018.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia