CORRETTO -Bce ha fatto propria parte, ora tocca a governi -Asmussen a stampa

mercoledì 11 aprile 2012 18:20
 

(corregge carica Asmussen)

MILANO, 11 aprile (Reuters) - La crisi ha evidenziato gravi debolezze, non nel mandato o nell'operatività della Bce, ma nel più ampio quadro di governance dell'area euro. La Bce ha fatto la sua parte. Ora tocca ai governi. E devono essere rafforzate anche la regolamentazione e la supervisione finanziaria.

Lo dice Jörg Asmussen, membro del consiglio governativo della Bce, precisando che le regole da sole non bastano.

"Abbiamo anche bisogno di creare, per gradi, le istituzioni di un'unione politica", dice il banchiere centrale secondo un'anticipazione di un'intervista al mensile dell'Università Bocconi 'Via Sarfatti25' in edicola venerdì.

In particolare, Asmussen evidenzia come il far parte di un'unione monetaria significhi far parte di un'unione politica e dice che nei prossimi anni ci si devono attendere ulteriori trasferimenti di sovranità dal livello nazionale a quello europeo.

"Dobbiamo modificare il nostro modo di pensare, come policy-maker e come cittadini. I governi e i parlamenti nazionali, così come le imprese, nelle loro attività devono tenere conto della dimensione area euro" dice Asmussen nell'intervista.

"Un maggior grado di integrazione politica dell'area euro non può essere, e non sarà, raggiunto imponendo cambiamenti istituzionali solo attraverso regole. Abbiamo anche bisogno di creare, per gradi, le istituzioni di un'unione politica".

"La crisi ha evidenziato gravi debolezze - non nel mandato o nell'operatività della Bce ma nel più ampio quadro di governance dell'area euro. La Bce ha fatto la sua parte. Il nostro obiettivo principale rimarrà il mantenimento della stabilità dei prezzi" continua Asmussen.

"La politica monetaria non può sostituirsi alle riforme strutturali, fiscali e finanziarie necessarie ad assicurare la stabilità finanziaria e macroeconomica dell'area euro. Ora la palla è nel campo dei governi. Oltre ai miglioramenti nella governance economica che ho menzionato, devono essere rafforzate la regolamentazione e la supervisione finanziaria".   Continua...