Al via Consiglio ministri, Monti stringe su testo riforma lavoro

martedì 3 aprile 2012 10:12
 

ROMA, 3 aprile (Reuters) - Al ritorno dal lungo viaggio in Corea, Cina e Giappone, Mario Monti torna a concentrarsi sulla riforma del mercato del lavoro con l'obiettivo di presentare alle Camere un disegno di legge in pochi giorni.

A Palazzo Chigi è appena cominciato il Consiglio dei ministri e, sebbene l'ordine del giorno parli solo di "leggi regionali", una fonte governativa ipotizza che vi possa essere un esame informale di un testo articolato, dopo le linee generali approvate "salvo intese" nella riunione del 23 marzo scorso.

"Il ddl non deve tornare in Consiglio dei ministri per una nuova approvazione ma oggi se ne dovrebbe discutere informalmente. L'obiettivo è presentare il testo in pochi giorni", spiega la fonte.

La riforma messa a punto dalla titolare del Welfare, Elsa Fornero, modifica l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori escludendo il reintegro in caso di licenziamento per motivi economici.

La fonte ribadisce che il governo non vuole tornare indietro sulla flessibilità in uscita ma l'articolato dovrebbe prevedere "garanzie contro gli abusi", contro cioé la possibilità che le imprese spaccino per economici licenziamenti per motivi disciplinari o discriminatori, contro i quali il lavoratore può ottenere il reintegro in azienda.

La Cgil si oppone alla modifica dell'articolo 18, in cui vede un fattore di deterrenza per i licenziamenti, e si avvia a proclamare 8 ore di sciopero generale.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia