March 28, 2012 / 9:19 AM / 5 years ago

Lavoro, Uilm proclama 4 ore di sciopero contro modifiche art.18

3 IN. DI LETTURA

ROMA, 28 marzo (Reuters) - Dopo Fiom e Cgil anche la Uilm, sezione metalmeccanica della Uil, proclama 4 ore di sciopero generale contro le politiche del lavoro del governo, in particolare contro le modifiche all'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori.

Lo rende noto un comunicato del sindacato precisando che l'obiettivo è quello di ottenere delle risposte dal governo entro l'estate.

"Uilm proclama a livello nazionale 4 ore di sciopero generale di tutta categoria perché il governo tuttora ci deve altrettante risposte rispetto a: la modifica dell'articolo 18 per la parte relativa ai licenziamenti economici; la risoluzione del problema sospeso dei lavoratori esodati; la decontribuzione degli aumenti contrattuali e dei premi di produzione; l'insostenibile pressione fiscale", si legge in una nota.

Per esodati si intendono quei lavoratori che avevano accettato di lasciare le aziende in crisi pensando di poter andare in pensione entro pochi mesi, mentre la riforma previdenziale che aumenta i requisiti anagrafici li lascia senza pensione e senza lavoro.

Il governo si è impegnato a emanare entro giugno un decreto che sani il problema anche se resta un problema di risorse. Per quanto riguarda l'articolo 18, la Uilm non esclude "ulteriori manifestazioni ed azioni di lotta, oltre a quella enunciata oggi, perché ci prefiggiamo di ottenere un risultato utile per i lavoratori prima dell'avvento della stagione estiva".

Il disegno di legge di riforma del mercato del lavoro varato dal governo prevede che in caso di licenziamenti per ragioni economiche il giudice possa decidere un risarcimento per il lavoratore ma non il reintegro al lavoro.

Dopo un primo momento in cui solo la Cgil si era messa di traverso al testo, con il passare dei giorni anche Cisl e Uil hanno chiesto all'esecutivo di tornare indietro consentendo anche la possibilità di reintegro qualora il giudice riscontrasse che non sussistano valide ragioni di tipo economico per il licenziamento. Anche il Partito democratico preme per modifiche in linea con il modello tedesco.

Il governo, pur avendo varato il ddl 'salvo intese', passibile cioè di ritocchi, continua a dire che non ha intenzione di ammorbidire le nuove norme sui licenziamenti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below