23 marzo 2012 / 17:32 / tra 6 anni

PUNTO 1-Governo vara disegno di legge su riforma lavoro

* Governo opta per ddl, più spazio per modifiche

* Bersani: modifiche in Parlamento o chiudiamo

* Napolitano non vede rischio onda licenziamenti (Aggiunge dettagli, contesto)

di Francesca Piscioneri

ROMA, 23 marzo (Reuters) - Il Consiglio dei ministri ha approvato con un disegno di legge la riforma del mercato del lavoro che non prevede il reintegro in caso di licenziamento per motivi economici e introduce un rito abbreviato per le controversie in materia.

Il governo si è impegnato ad evitare abusi da parte delle imprese nella applicazione delle nuove norme sui licenziamenti.

Una nota di palazzo Chigi spiega che il provvedimento, il banco di prova più difficile per il governo Monti dalla sua nascita lo scorso novembre, è stato approvato “salvo intese”, formula che indica il fatto che verrà materialmente scritto e rifinito dai ministri competenti nei prossimi giorni.

Lo strumento scelto, un disegno di legge invece di un decreto legge, concede maggiore spazio al dibattito parlamentare.

Il governo non blinda dunque il testo, dopo la pressione esercitata da diversi partiti e dai sindacati, pur con sfumature diverse. Ma allo stesso tempo il premier può partire per il tour asiatico a caccia di investimenti esteri con in tasca il varo della riforma. ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Per SCHEDA fare doppio clic su ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

PARTITO DEL NO SEMPRE PIU’ ESTESO

La Cgil ha indetto già 8 ore di sciopero generale contro la modifica dell‘articolo 18 dello Statuto dei lavoratori sui licenziamenti senza giusta causa.

Anche l‘Ugl, sindacato vicino alle destra, è contrario alle modifiche del governo in materia di licenziamenti. Mentre Cisl e Uil, dopo un assenso iniziale, chiedono modifiche in Parlamento finalizzate a consentire la possibilità di reintegro anche per i licenziamenti economici.

Il lader della Uil, Luigi Angeletti, dal Forum Confocommercio di Cernobbio ha accolto con favore che il governo abbia optato per un disegno di legge invece che per un decreto.

“Il fatto che sia un disegno di legge sposta il luogo della discussione in Parlamento quindi probabilmente lì avremo più ascolto di quanto ne abbiamo avuto finora con il governo”, ha detto il sindacalista.

“Noi vogliamo che si eviti che attraverso i licenziamenti per motivi economici possano in maniera fraudolenta rientrare le casistiche che avevamo blindato cioè i disciplinari e i discriminatori”, ha precisato.

Soddisfatto anche il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, che ieri aveva chiesto al governo - in linea con il Partito democratico - che anche per i licenziamenti economici sia contemplata la possibilità del reintegro e non solo il risarcimento.

Sul fronte metalmeccanico la Fiom ha già avviato una serie scioperi e mobilitazioni nelle fabbriche e oggi anche la Uilm, sezione metalmeccanica della Uil, ha aperto a iniziative unitarie con Fim (Cisl) e Fiom contro le modifiche all‘articolo 18.

BERSANI: MODIFICHE O PARLAMENTO CHIUDA, COLLE CON MONTI

“Sono sereno che sull‘articolo 18 si vorrà ragionare, altrimenti chiudiamo il Parlamento e così i mercati si rassicurano”, ha detto Bersani in modo provocatorio a Genova dopo che ieri il ministro del Welfare Elsa Fornero aveva detto: “il Parlamento approvi la riforma o ci mandi a casa”.

Il Quirinale ha sicuramente esercitato una moral suasion su Monti per evitare il ricorso al decreto ma Napolitano difende l‘impianto delle novità in materia di licenziamenti non temendo il rischio di esuberi di massa.

“Si andrà a una discussione in Parlamento dove si confronteranno preoccupazioni e proposte”, ha detto Napolitano parlando con i giornalisti. “Sono convinto che si arriverà ad un risultato di cui si potranno riconoscere i meriti e la validità, perché era una riforma da fare”.

“Non credo che si stanno per aprire le porte ad una valanga di licenziamenti facili sulla base dell‘articolo 18, perché bisogna anche sapere a che cosa si riferisce l‘articolo 18”, ha spiegato il capo dello Stato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below