Lavoro, verso modifiche su licenziamenti economici - Bonanni (Cisl)

giovedì 22 marzo 2012 16:14
 

ROMA, 22 marzo (Reuters) - Novità in vista sulle nuove norme per i licenziamenti economici, secondo un annuncio fatto dal leader della Cisl, Raffaele Bonanni, a pochi minuti dall'incontro governo-parti sociali per chiudere la trattativa sulla riforma del mercato del lavoro.

"Siamo pienamente d'accordo con [il responsabile economico del Pd, Stefano] Fassina. Anche la Cisl vuole cambiare la norma sui licenziamenti economici e fare una riforma del lavoro credibile. E' quello su cui ci stiamo impegnando in queste ore. Anche noi vogliamo il modello tedesco", ha detto Bonanni in una nota.

Il modello tedesco prevede che sia il giudice a decidere tra reintegro e indennizzo nel caso di licenziamento per motivi economici giudicato illegittimo. Il premier Mario Monti e il ministro del Welfare, Elsa Fornero, hanno invece escluso la possibilità di reintegro per i licenziamenti economici. Monti ha detto martedì che la partita sull'articolo 18 era "chiusa" e che l'incontro di oggi sarebbe servito a limare i testi sugli altri contenuti della riforma riguardanti contratti e nuovi ammortizzatori sociali.

Da qui l'annuncio della Cgil di proclamare lo sciopero generale. La Cisl finora era invece sembrata d'accordo con l'impostazione del governo, temendo una fuga in avanti che escludesse il sindacato come nel caso delle pensioni.

"Speriamo che con il sostegno del Pd lo otterremo e chiariremo tutti insieme ai lavoratori la bontà delle soluzioni che abbiamo trovato", ha aggiunto Bonanni.

(Francesca Piscioneri)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia