Pensioni,decreto su esodati entro il 30 giugno, nodo risorse-Fornero

lunedì 19 marzo 2012 14:22
 

MILANO, 19 marzo (Reuters) - Il governo conferma che affronterà il problema dei lavoratori esodati in un decreto da emanare entro fine giugno, ma resta il problema delle risorse che devono essere reperite tutelando in primo luogo i più deboli.

Lo ha detto il ministro del Lavoro Elsa Fornero, intervenendo in collegamento a un convegno dedicato alla riforma del sistema pensionistico varata a dicembre, in cui ha anticipato che l'esecutivo tornerà ad occuparsi di pensioni, in particolare di previdenza integrativa e di quella dei liberi professionisti.

Per esodati si intendono quei lavoratori che avevano accettato di lasciare le aziende in crisi pensando di poter andare in pensione entro pochi mesi, mentre la riforma previdenziale che aumenta i requisiti anagrafici li lascia senza pensione e senza lavoro.

"Credo che sulle pensioni ci siano ancora delle questioni da affrontare...spero di poter lavorare bene su questi temi" ha auspicato il ministro.

Fornero ha sottolineato come la riforma del sistema previdenziale varata a dicembre abbia avuto successo sotto il profilo dei conti pubblici.

"Ha contribuito ad allontanare la prossimità di una crisi finanziaria che non è un concetto astratto, ma incide sulla vita dei lavoratori e dei pensionati" ha sintetizzato il ministro.

"L'alternativa a questo cambiamento - ha ribadito - era di non pagare più parte delle pensioni e degli stipendi".

Sul piano personale il rimpianto di Fornero è non essere riuscita a discutere con le parti sociali di alcuni aspetti della riforma, specialmente di alcune "asperità", come quella dei lavoratori incentivati all'uscita anticipata dall'azienda, che per effetto della riforma si trovano in una 'terra di nessuno'.

"Capisco l'ansia di queste persone...chiedo di avere un po' di pazienza, fino al 30 giugno, per l'emanazione del decreto".   Continua...