Liberalizzazioni, professionisti N. Italia: ok a riforma, ma distinguo

venerdì 20 gennaio 2012 14:54
 

MILANO, 20 gennaio (Reuters) - Si riuniranno domani a Milano per discutere delle liberalizzazioni i professionisti del Nord Italia, che vogliono la riforma delle professioni in tempi rapidi ma nutrono qualche perplessità sulla bozza del governo.

"Non siamo contro la riforma, la vogliamo da 15 anni e in tempi rapidi", spiega Giuseppe Cappochin, Presidente del Forum delle Professioni intellettuali.

La manifestazione di domani -- che prevede due tavole rotonde al teatro dal Verme di Milano e che fa parte di un percorso che si concluderà il primo marzo con una manifestazione a Roma -- punta a "far sentire la voce dei professionisti direttamente e senza filtri", sottolinea Alessandro Solidoro, Presidente dell'Ordine dei Commercialisti di Milano.

E' prevista la partecipazione di circa 1.500 professionisti da tutto il Nord Italia.

"Molti sono i punti della riforma che ci trovano concordi", spiega Solidoro. "Per esempio sulle tariffe minime molti ordini prevedono già delle deroghe. Ma non avere in assoluto dei riferimenti pone dei dubbi" su quanto sia congrua la cifra che un professionista chiede al cittadino, spiega ancora.

I professionisti si dicono anche contro l'abolizione degli esami di Stato per accedere alle professioni, vedendo anzi "con favore una riforma per renderli più seri", spiega Domenico De Stefano, presidente del Consiglio notarile di Milano.

I professionisti sono anche favorevoli all'obbligo di formazione continua, al tirocinio retribuito, all'assicurazione professionale obbligatoria, all'istituzione di un organo che si occupi di questioni disciplinari, alla pubblicità libera.

Sono invece assolutamente contrari alle prevista possibilità di costituire società di professionisti con la partecipazione di un socio di capitali, "perché la partecipazione alla società di soggetti estranei all'attività professionale lederebbe in modo inesorabile l'indipendenza del professionalità, prerogativa indispensabile".

  Continua...