S&P's, downgrade "incoerente", appetito carta italiana tornerà - Tesoro

martedì 17 gennaio 2012 13:03
 

ROMA, 17 gennaio (Reuters) - La decisione di declassare il merito di credito dell'Italia assunta da Standard and Poor's "è incoerente", secondo il direttore generale del Tesoro per la gestione del debito pubblico Maria Cannata.

"In un certo senso è incoerente ed è una valutazione condivisa da parte dei mercati da quello che ho potuto vedere finora", ha detto la Cannata notando che la stessa agenzia di rating ha mostrato apprezzamento per le decisioni assunte dal governo di Mario Monti, che ha varato una nuova manovra correttiva a inizio dicembre per garantire il pareggio di bilancio nel 2013.

"Contrariamente a quanto i gufi del mercato stanno dicendo la situazione del debito non è esplosiva e rimane sotto controllo anche se certamente non migliora. Dire che con un decennale al 7% tutto è a rischio non è corretto", ha spiegato il dirigente del Tesoro.

"Sono convinta che una volta che avremo passato questi tre mesi l'appetito per la carta italiana tornerà. Dobbiamo tenere duro e far vedere che i timori sono eccessivi, che siamo in grado di gestire il debito anche in queste difficoltà estreme", ha continuato la Cannata.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia