Ungheria può perdere accesso a fondi Ue se non riduce deficit - Rehn

mercoledì 11 gennaio 2012 13:41
 

BRUXELLES, 11 gennaio (Reuters) - L'Ungheria potrebbe perdere l'accesso ai fondi Ue destinati allo sviluppo della propria economia qualora non dovesse agire nel ridurre il proprio deficit di bilancio, secondo quanto ha detto il commissario Ue Economico e agli affari monetari, Olli Rehn.

Il commissario ha detto che gli sforzi per ridurre il deficit ungherese nel 2011 si sono basati su misure una tantum e senza di esse, il deficit sarebbe stato pari al 6% della produzione economica.

"L'Ungheria non ha avviato azioni effettive", ha detto nel corso di una conferenza, "Poiché l'Ungheria non fa parte dell'unione monetaria, non dovrà affrontare sanzioni finanziarie", ha aggiunto.

"Potrebbe tuttavia subire una sospensione degli impegni del fondo di coesione dal prossimo anno, a partire da gennaio 2013", ha detto Rehn, riferendosi agli aiuti a lungo termine della Ue verso gli stati Ue più poveri.

Il deficit ungherese ha superato la soglia del 3% del Pil prevista dai trattati Ue sin dalla sua adesione all'Unione nel 2004.

Secondo Rehn, invece, la Polonia ha centrato l'obiettivo di riduzione del deficit grazie a una clausola speciale della riforna delle pensioni che impatta sulle finanze pubbliche.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

  Continua...