RPT-Gb vuole voce in capitolo sul mercato unico europeo - Cameron

venerdì 6 gennaio 2012 10:30
 

(Reinvia eliminando refuso nel titolo)

LONDRA, 6 gennaio (Reuters) - La Gran Bretagna non accetterà che il mercato unico europeo sia discusso da gruppi che non comprendano tutti i 27 membri dell'Ue.

Lo ha detto oggi il primo ministro britannico David Cameron.

"Perché siamo nell'organizzazione(Ue)? Ci siamo perché siamo una nazione commerciale e vogliamo accesso al mercato unico e avere voce in capitolo sulle regole del mercato unico", ha detto Cameron a Bbc radio 4.

"Quello che non possiamo avere è che il mercato unico sia discusso fuori dall'Ue, e faremo tutto il possibile per assicurarci che ciò non accada", ha aggiunto.

I commenti di Cameron arrivano tra i timori che i gruppi interni all'Ue che non includono la Gran Bretagna possano decidere nuove regole relative al mercato unico nel tentativo di alleggerire la crisi del debito della zona euro.

Il Regno unito è rimasto isolato a dicembre quando Cameron ha rifiutato di firmare un nuovo trattato Ue per tenere sotto controllo la crisi.

Il primo ministro ha anche salutato con favore quello che ha definito un grosso calo nei bonus ai banchieri e altri professionisti.

"C'è stata una massiccia riduzione nei livelli dei bonus rispetto a tre o quattro anni fa...e vogliamo che questo trend continui".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia